Toscani, il fotografo con licenza d’insulto: definì «incivile» Salvini. Ma il pm: «È critica politica»

sabato 2 novembre 13:22 - di Redazione
Toscani

Fotografo con licenza di insulto. Per Oliviero Toscani, a nessuno secondo quanto a capacità di occupare intere paginate per imprese che niente hanno a vedere con i suoi clic d’autore, si tratta di un’indubbia vittoria. Il pm di Milano, Civardi, ha infatti escluso che l’aver dato dell’«incivile» a Matteo Salvini, che vede così archiviata la propria querela, configuri il reato di diffamazione. E ora Toscani può permettersi persino il lusso di mostrare le stigmate di chi osa sfidare il potere: «Quello che ho detto è quello che penso», rivendica infatti ad archiviazione incassata.

Toscani era stato querelato per diffamazione

I fatti risalgono al 2 agosto scorso. Quel giorno Toscani era ospite a La Zanzara, la trasmissione di Radio24 condotta da Cruciani e Parenzo. Il governo giallo-verde è ancora in carica e nessuno immagina l’autoribaltone che Salvini farà una settimana dopo. Scontato, quindi, il tema immigrazione. E ancor di più la domanda sul Salvini «fascista». Per Toscani un vero invito a nozze. «No, di più. Peggio, dopo aver visto ciò che si è visto. Chi è che parla di castrazione? E lui dice no, non possono sbarcare…non sono clandestini sui barconi c’è della gente. Salvini – conclude il fotografo – è un incivile». Parte la querela, ma finisce sul binario morto.

Pochi mesi fa è stato condannato per vilipendio della religione

Un’archiviazione che Toscani accoglie col silenzio: «Ho commentato già e ho avuto una condanna – sottolinea all’Adnkronos -. Sono andato persino al palazzo di giustizia per i commenti che faccio. La penso così e pago per questo, i soldi servono per dire quello che uno pensa, questo è il mio commento». Il riferimento è ad una condanna a 4mila euro di risarcimento per vilipendio della religione cattolica subita qualche mese, su richiesta dello stesso Civardi. Anche allora c’era di mezzo La Zanzara. Con Salvini, invece, gli è andata di lusso. Secondo il Corriere della sera, per il pm dare dell’«incivile» all’ex ministro dell’Interno non è diffamazione. Al contrario, può essere «scriminato dall’esercizio del diritto di critica politica» tutte le volte in cui l’epiteto intende «biasimare scelte politiche al centro del dibattito pubblico».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza