Gianluigi Paragone processa il M5S: «Disfatta. Conte? Ma quale avvocato del popolo…» (video)

lunedì 28 ottobre 9:55 - di Fabio Marinangeli
Gianluigi Paragone

In Umbria per M5S è stata «una disfatta», dovuta alla mancanza di «coerenza e linearità». Una disfatta «legata all’alleanza con il Pd e alla scelta di un candidato vicino a Forza Italia». Lo afferma il senatore Gianluigi Paragone (M5S) in un video su Facebook. E aggiunge: «Se pensate che sia limitata all’Umbria…».

Gianluigi Paragone fa l’elenco dei “colpevoli”

Paragone non si ferma qui. E preme il piede sull’acceleratore. Definisce «preoccupante» il servizio del Financial Times su Conte. Considera «incredibile» aver perso la Regione in cui si è andati a elezioni anticipate dopo che proprio il Movimento «aveva rivelato il sistema del Pd» e lo scandalo Sanitopoli.

«Ci abbiamo messo la faccia e poi siamo stati costretti a fare l’alleanza con il Pd. Ma che campagna elettorale si poteva fare?». In ultima analisi, «sarebbe stato meglio andare da soli e schiacciare il Pd». Gianluigi Paragone ribadisce: «Non vado da nessuna parte. Rimango nel Movimento e faccio le battaglie del Movimento».

«Non accuso Di Maio, e forse l’errore è di Conte, e anzi la sconfitta è proprio di Conte (va dal re del cashmire, altro che avvocato del popolo), di Fico e anche di Grillo che continua a insistere con quell’alleanza. Non oso pensare cosa potrebbe accadere, in Emilia Romagna, Toscana, Calabria…».

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza