Suicida il boss che si era travestito da sua figlia per evadere dal carcere (video)

venerdì 9 agosto 13:33 - di Robert Perdicchi

Si è suicidato pochi giorni dopo il suo clamoroso tentativo di fuga da carcere di Gericinò, a Rio de Janeiro. Claudino Da Silva, boss e narcotrafficante, noto anche come “Baixinho”, ossia Piccolino), si sarebbe impiccato con un lenzuolo nella sua cella del carcere di massima sicurezza dove scontava una condanna a 73 anni per traffico di droga. Sabato scorso era stato fermato dalle guardie mentre cercava di uscire travestito in modo tale da assomigliare alla figlia che era andato a trovarlo. Una parrucca di capelli neri, una maglietta rosa con un disegno infantile, jeans attillati e una maschera in silicone iper-realistica componevano il suo outfit. Il segretario di stato dell’amministrazione penitenziaria ha pubblicato foto e video di Da Silva che, dopo essere stato scoperto, rimuove il suo costume e dice il suo nome completo. Il video è stato poi diffuso dall’account twitter “O Globo Rio”, dell’omonimo giornale. La ragazza di 19 anni, figlia del detenuto, è  indagata come possibile complice del fallito tentativo di fuga.

Ecco il video dello “smascheramento” del boss.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi