Nel Pd si sono ringalluzziti e fanno i bulletti: «Abbiamo preso a sberle Salvini»

mercoledì 14 agosto 11:26 - di Giorgio Sigona

Roba da non crederci. Ora spuntano fuori i bulletti del Pd. Gioiscono per quel che è successo nell’aula di Palazzo Madama. Hanno avuto la soddisfazione di strepitare, sfogando la loro frustrazione politica. Si sono sentiti forti, appoggiati dai grillini che per l’ennesima volta non sono stati all’altezza della situazione. Hanno fatto la sceneggiata. E ora pensano di avere i muscoli, rilasciando dichiarazioni spocchiose che provocano l’ironia dei social. «Nonostante i tentativi di diversivo una cosa è certa: Salvini ha preso una sonora sberla dal Senato che lo ha sconfitto», ha detto il vicesegretario vicario del Pd Andrea Orlando.

I bulletti del Pd si sfogano

«Salvini è stato pesantemente sconfitto. Il Parlamento non è il Papeete e i pieni poteri se li scorda», ha detto – anche lui con il tono del superman de’ noantri, il deputato dem Luciano Nobili. «E rischia di perdere del tutto la faccia se fa retromarcia sulla crisi di governo per salvare la poltrona»- All’appello non poteva mancare il piddino Davide Faraone: «La maggioranza del Parlamento ha detto Salvini a casa, ora si dimetta».

«È un’indecenza che il Gradasso non si sia dimesso subito dopo il deposito della sua mozione di sfiducia al governo in cui è vicepremier. Ed e una indecenza doppia che non lo abbia fatto ieri un minuto dopo la batosta politica rimediata nell voto in Senato». Lo scrive su Twitter il senatore Pd Dario Parrini.  Si sono ringalluzziti, quelli del Pd. Per qualche ora hanno ritrovato il sorriso. O meglio, l’arroganza.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza