Chiude il cane nel bagagliaio: il cucciolo salvato in extremis. Meloni: che crudeltà…

martedì 9 luglio 11:09 - di Redazione

Senza pietà: è questo l’unico comune denominatore che lega i diversi protagonisti di terrificanti casi di cronaca che, con l’arrivo del caldo estivo, tornano a mettere in scena l’aberrante copione dell’abbandono o del maltrattamento dei cani. L’ultimo in ordine di tempo, quello registrato solo ieri da tutti i principali quotidiani, è quello del cucciolo di 2 mesi lasciato chiuso nel bagagliaio di un’auto al Circeo, a una temperatura arrivata a sfiorare di 50 gradi, senza aria né acqua, mentre il padrone se ne va tranquillamente in spiaggia a divertirsi e a passare la sua domenica di relax…

Cane chiuso nel bagagliaio: salvo per miracolo

Una crudeltà inaudita per cui ora il proprietario del cane, miracolosamente salvato da un passante che, richiamato dai guati del cucciolo, ha allertato i proprietari del lido che hanno prontamente provveduto a spaccare il vetro e a tirare fuori da quella trappola mortale il cagnetto ormai stremato, disidrato, quasi ucciso da afa e caldo. Una veterinaria che, fortunatamente, passava nei paraggi ha fatto il resto: l’ha rianimato e poi disposto che il cucciolo fosse portato d’urgenza in clinica. La speranza, ora, è che questo sventurato incrocio di maremmano, che per un soffio non è morto in quel bagagliaio, possa essere adottato dal suo soccorritore-salvatore e che il suo ex proprietario, denunciato per quanto fatto – sul posto sono infatti intervenuti i carabinieri –  paghi davvero per la sua crudeltà.

Giorgia Meloni: «Come si può essere così crudeli»?

Un caso, quello di ieri, che ha suscitato sgomento e indignazione, e sul quale in queste ore si è espressa anche la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. «Cucciolo di due mesi lasciato al caldo afoso nel bagagliaio mentre i padroni erano al mare», ha postato sul suo profilo Facebook la numero uno di FdI, aggiungendo poi: «Fortunatamente salvato da chi casualmente ne ha sentito i lamenti. Ma come si può essere così crudeli e imprudenti? Speriamo che ora questo cagnolino sia affidato a persone che se ne sappiano prendere cura».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza