Trovato un altro cadavere nel Po: è dell’amico del diplomatico della Bahamas già annegato

mercoledì 5 giugno 12:54 - di Redazione

È stato ripescato un altro cadavere nel Po. A meno di 24 ore dal ritrovamento, proprio nelle acque del fiume, del corpo senza vita del diplomatico della Bahamas Ramsey Alrae Keiron, le forze dell’ordine hanno recuperato la salma di un uomo. Si tratta di un amico del diplomatico stesso: 28 anni, anche lui originario delle Bahamas, non si avevano sue notizie da giorni, motivo per il quale era stata presentata denuncia di scomparsa. Come ricostruisce il Corriere, si tratta di Blair Rashad Randy John, studente del College di New Providence, residente in Canada. La notizia della morte è stata riportata anche da un giornale online, Bahamas Press.

Cadaveri nel Po, le indagini

Sulla testa di Ramsey, che seguiva un corso di studi a Vienna, è stata riscontrata una ferita alla testa compatibile con una caduta. E il corpo, secondo una prima analisi effettuata dal medico legale, non presenterebbe segni evidenti di violenza. Ramsey era studente all’accademia diplomatica di Vienna e consulente del ministero degli Esteri delle Bahamas, come lui stesso spiega in un video pubblicato su Youtube lo scorso 6 marzo. Gli Stati Uniti hanno fatto sapere che Ramsey era scomparso dagli Usa il primo giugno. È possibile, riporta ancora il Corriere, che il giorno della misteriosa sparizione il ragazzo fosse già a Torino. Anche perché qui, secondo quanto emergerebbe dalle prime informazioni raccolte dalla polizia, avrebbe incontrato l’amico — forse prima di quella data — e con lui ha trascorso del tempo. I due amici avrebbero anche dormito nello stesso hotel, almeno per una notte. Ma le chiavi della stanza non sarebbero mai state riconsegnate al gestore dell’albergo.  Si legge ancora sul Corriere che secondo il medico legale la morte di Ramsey non dovrebbe essere frutto di una violenza inflitta da qualcun altro. Ma è solo una prima valutazione. Gli inquirenti sono però cauti: attendono l’esito dell’autopsia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi