La simulazione che fa tremare Forza Italia: Lega e FdI autosufficienti senza il Cav

giovedì 13 giugno 13:05 - di Federica Argento

La situazione si complica per Forza Italia. C’è una simulazione elettorale che circola in questi giorni in Transatlantico che sta agitando non poco gli azzurri,  già disorientati dalla mancanza di una linea politica chiara dopo il deludente 8,9% alle europee. La domanda, cosa fare nel brevissimo periodo incombe, soprattutto  ora che tale simulazione basata sul ‘Rosatellum’ ha  ridistribuito i collegi uninominali secondo il nuovo scenario emerso dalla elezioni del 26 maggio e dagli ultimi ballottaggi alle amministrative. In base a tale computo Lega e Fratelli d’Italia sarebbero autosufficienti per governare.

Se si andasse al voto

Se si andasse al voto il centrodestra senza Berlusconi attualmente avrebbe le sue chances. L’analisi, visionata dall’Adnkronos, conferma che oltre il 50% degli attuali voti azzurri sono tutti al Sud. Ma anche questo ‘tesoretto’ potrebbe essere bruciato, tutto a vantaggio della Lega, senza chiarire la linea politica nei confronti dell’alleato Matteo Salvini, deciso a portare avanti la strategia dei due forni (nello stesso tempo in coalizione con il Cav ma socio di Luigi Di Maio per palazzo Chigi).

Due ipotesi

Due le ipotesi prese in considerazione dalla simulazione. La prima, chiamata ‘A’, vede il centrodestra in campo secondo la vecchia formula (Lega Fdi e Fi) contro M5S e la sinistra (Pd ‘La sinistra’ e ‘+Europa’ di Emma Bonino). La seconda (‘B’), invece, prospetta la corsa solitaria di Fi mentre il Carroccio va in accoppiata con Fdi nella sfida a Pd e Cinque stelle. L’opzione che preoccupa è proprio quest’ultima, perché l’asse Salvini-Meloni avanza e succhia consensi sul lato destro. La simulazione dimostra che Lega e Fdi sarebbero autosufficienti per vincere quasi tutti i collegi, tranne quelli al Sud e in Toscana, dove Forza Italia risulterebbe ancora indispensabile.

Percentuali alla mano, in sostanza, il partito di Silvio Berlusconi, potrebbe ancora risultare determinante per strappare ai Cinque stelle seggi chiave in Campania, Calabria, Sicilia e Puglia. Ora però il timore è che la politica dei due forni leghista possa far crollare quel che è rimasto ancora in piedi. In tanti si chiedono, infatti, cosa succederebbe se Salvini decidesse di non fare nessun accordo nazionale con Berlusconi, preferendo stringere alleanze locali, come va sbandierando ogni giorno in tv, magari trattando direttamente con i mister preferenze azzurri, capaci di portare in dote consistenti pacchetti di consensi sul territorio.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Franco 14 giugno 2019

    L’ingratitudine è l’atteggIamento più praticato da FdI.
    Molti di voi non esisterebbero se non foste stati accettati nelle file di FI. Le banderuole girano quando c’è il vento.

    • Francesco Storace 14 giugno 2019

      E chi è stato in fi?

    In evidenza