«I gay non devono essere rieducati»: in Germania il caso del ministro della Sanità

martedì 11 giugno 15:50 - di Redazione

Il ministro della Sanità tedesco vuole stringere i tempi e presentare entro la fine del 2019 una proposta di legge per vietare le cosiddette “terapie di conversione” dell’orientamento sessuale degli omosessuali, introdotte dai medici cattolici qualche anno fa. Il ministro della salute tedesco Jens Spahn, 38enne, gay dichiarato e sposo di Daniel Funke, ha annunciato da tempo una battaglia contro queste cure. «Sono per il divieto di queste terapie. Perché l’omosessualità non è una malattia e quindi non ha bisogno di cure», ha detto il ministro in una conferenza stampa. Il disegno di legge sarà presentato entro la fine dell’anno e poi discusso in Parlamento.

Le polemiche

In caso di adozione, la Germania si unirà a Malta e ad alcune regioni autonome spagnole, che sono gli unici territori in Europa che hanno vietato queste pratiche. In Germania, queste pseudo-terapie, offerte principalmente in ambienti religiosi radicali, riguardano circa 1.000 persone all’anno, secondo la Fondazione Magnus-Hirschfeld, che si dedica ai diritti delle persone Lgbt. «Le terapie di conversione non curano ma fanno ammalare le persone», ha aggiunto il ministro, sulla base dei primi risultati di una commissione istituita su sua richiesta all’inizio dell’anno. Composto da diversi specialisti, la fondazione ha stabilito che porre fine a queste cosiddette conversioni è «medicalmente necessario e legalmente fattibile».

L’Europa invita a vietare queste terapie

Nel loro rapporto, i cui risultati saranno formalizzati ad agosto, gli esperti indicano di aver raccolto diverse testimonianze che riportano abusi. Una donna ha riferito che un “terapeuta” l’aveva iscritta in sedute di terapia della luce e interviste di indottrinamento. Il paziente ha interrotto il cosiddetto trattamento quando gli è stato suggerito l’elettroshock. Più diffusi negli Stati Uniti, questi cosiddetti trattamenti sono spesso rivolti verso adolescenti omosessuali o transgender contro la loro volontà. Possono prevedere massicce iniezioni di testosterone o tecniche per indurre l’avversione, come l’elettroshocking mentre vengono mostrate immagini di atti omosessuali. Nel marzo 2018, il Parlamento europeo ha adottato a larga maggioranza un testo non vincolante che invitava gli Stati membri a vietare queste tecniche. I dibattiti sul loro possibile divieto sono attualmente in corso in Belgio, nei Paesi Bassi e nel Regno Unito.

All’epoca dell’introduzione di queste norme l’Associazione dei medici cattolici tedeschi sottolineava  come l’iniziativa non volesse né ferire né mettere sotto pressione la comunità gay, adducendo  una ampia e affermata letteratura medica e scientifica a conferma della tesi che l’omosessualità può essere curata. Di parere opposto le associazioni gay.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza