Pamela, la difesa la butta sul vittimismo: «Oseghale non ha ucciso, sconta la colpa di essere un nigeriano»

mercoledì 15 maggio 11:40 - di Leo Malaspina

Nuova udienza oggi del processo davanti alla Corte di Assise di Macerata che vede imputato Innocent Oseghale con l’accusa di aver violentato Pamela Mastropietro approfittando del suo stato di inferiorità, di averla uccisa e di averla poi fatta a pezzi. La parola è andata alla difesa del nigeriano, che ha ammesso di aver depezzato il cadavere ma sostiene di non aver violentato la ragazza e di non averla uccisa.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza

contatore di accessi