Arrestato il turco che ha sparato a Utrecht: pregiudicato, legato all’Isis, ha ucciso per gelosia

lunedì 18 marzo 18:52 - di Redazione

La polizia olandese ha arrestato il responsabile della sparatoria di Utrecht. Gokmen Tanis, il 37enne di origine turca ricercato in Olanda per la sparatoria oggi, avrebbe sparato per uccidere una donna per “motivi personali”. Ed avrebbe poi sparato sulle altre persone che cercavano di soccorrere la vittima. E’ quanto riporta l’agenzia turca Anadolu citando familiari del ricercato. Nell’attacco sono rimaste uccise tre persone e cinque sono state ferite. Anche i media olandesi riportano che la polizia sta seguendo piste alternative a quella del terrorismo che era stata indicata immediatamente dopo la sparatoria. Secondo la tv olandese, i poliziotti stanno interrogando il fratello di Tanis che, secondo quanto riporta l’emittente Nos ha una lunga lista di precedenti tra i quali, una condanna per tentato omicidio. Attualmente è sotto processo per stupro. Anche alcuni dei testimoni della sparatoria, secondo quanto riporta il sito Nltimes, hanno detto che sembrava come se l’uomo avesse prima preso di mira una donna e poi sparato contro chiunque cercasse di aiutarla. Il processo per stupro, relativo a fatti avvenuti nel 2017, a carico dell’uomo è iniziato appena due settimane fa. Tanis era già stato accusato in altre occasioni di minacce verso una donna, di abusi verbali verso una donna, di minacce alla polizia, oltre che a furto e rapina. Tuttavia avrebbe anche legami con l’Isis, oltre che una fedina penale da criminale comune. Si delinea il ritratto di Gökmen Tanis. L’uomo avrebbe avuto in passato legami con l’Isis e avrebbe combattuto in Cecenia, come riferisce la versione turca della Bbc sulla base della testimonianza di un uomo d’affari turco residente ad Utrecht. “Alcuni anni fa – spiega la fonte – è stato arrestato per il suo legame con l’Isis e poi rilasciato”. Secondo i media olandesi, Tanis sarebbe comparso in tribunale ad Utrecht lo scorso 4 marzo per un processo legato ad un caso di stupro. L’edizione online del quotidiano Algemeen Dagblad riferisce che Tanis sarebbe stato accusato anche di aver minacciato la presunta vittima. L’uomo, si legge ancora, negli anni scorsi sarebbe stato accusato anche di altri reati, compreso furto e oltraggio a pubblico ufficiale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ADRIANO AGOSTINI 19 marzo 2019

    Sé! Per gelosia!

  • In evidenza