La furia di Concita De Gregorio: 37.000 euro di danni al “fascista” Andrini diffamato dall’Unità

sabato 2 febbraio 23:02 - di Paolo Lami

Il suo debito con la giustizia Stefano Andrini lo ha pagato fino in fondo ma questo non sembra bastare alla bionda Concita De Gregorio, l’ex-direttoressa dell’Unità che, dal suo profilo Twitter, inferocita per essere stata costretta (dai giudici) qualche settimana fa a pagare i danni all’ex-amministratore delegato di Ama-Servizi Ambientali dopo le condanne per diffamazione rimediate dal quotidiano comunista, continua a sputtanarlo, urbi et orbi, sui Social gridando al fascista. Un “insulto” (?) che oggi non si nega a nessuno.

Che cosa è successo fra la sacerdotessa laica degli sdraiati di Capalbio è il “fascista” Stefano Andrini?

Nell’estate del 2009, Andrini che, all’epoca, era dipendente Ama, viene nominato, dal sindaco Alemanno, amministratore delegato di Ama-Servizi Ambientali.

La sinistra, che ha appena perso, malamente, il governo della Capitale, dopo anni di dominio e di potere vischioso, insorge come un sol uomo tirando fuori dalla polvere una vecchia vicenda giudiziaria di vent’anni prima, oramai definitivamente conclusa, per la quale Andrini, allora diciottenne, ha scontato una condanna per concorso in lesioni, a causa di una rissa esplosa nel 1989, fuori da un cinema romano, il Capranica, dopo che alcuni estremisti di sinistra avevano provocato, incautamente, un gruppo di ragazzi di destra.

L’Unità – ma anche gli altri giornali di sinistra – iniziano, dunque, nell’agosto del 2009, vent’anni dopo il fatto, un martellamento contro Andrini “colpevole” di essere stato nominato da Alemanno all’Ama, definendolo fascista, naziskin, etc. etc.

Il giornale guidato con piglio battagliero da Concita De Gregorio sgomita per farsi largo tra le aggettivazioni nella sassaiola mediatica che si scatena contro Andrini e rovescia quanti più epiteti possibili. E qui, inevitabilmente, succede il patatrac.
«Alemanno nomina un ex naziskin al vertice Ama», titola l’Unità ululando indignata il 31 agosto del 2009.
E, poi, nel pezzo che gronda sdegno “sinceramente democratico” come solo la sinistra sa fingere di fare: «Il nuovo amministratore delegato della società Ama che si occupa dei rifiuti a Roma è Stefano Andrini. Perché il sindaco Alemanno ha scelto proprio lui? – si chiede retoricamente il giornale guidato dalla De Gregorio – Evidentemente per il suo curriculum: una condanna a 4 anni e otto mesi per tentato omicidio, una militanza ventennale tra i naziskin romani, una aggressione (in compagnia di suo fratello) a colpi di spranga ai danni di due ragazzi finiti in ospedale e in coma, la convinta celebrazione nella città di Wunsiedel del delfino di Hitler Rudolf Hess, ecc…».

Purtroppo per l’Unità e per la sua allora direttrice Concita De Gregorio – che omette di controllare il pezzo – le cose non stanno proprio così.
Nella foga della lapidazione dialettica il giornalista estensore dell’articolo, la direttrice e l’editore dell’Unità non si peritano di controllare se, veramente, Andrini sia mai stato un naziskin e, soprattutto, se, effettivamente, sia mai stato condannato per tentato omicidio.

Così Andrini, seppellito dagli insulti gratuiti di una certa sinistra che non sa perdere ma solo insultare e gridare al fascista, si mette da parte gli articoli dell’Unità che lo massacrano mediaticamente. E poi porta tutto alla magistratura lamentando le falsità diffamatorie scritte contro di lui dal quotidiano.

In primo grado il magistrato non reputa diffamatoria la selva di insulti. E condanna Andrini a pagare 10.000 euro di spese legali e di giustizia. Ma, in appello, la vicenda si ribalta.
E, a febbraio 2018, il giudice condanna – con sentenza immediatamente esecutiva – l’Unità a risarcire Andrini dei danni subiti dalla diffamazione.
Il giudice imputa all’Unità il fatto di non essersi correttamente informata su un dato di agevole verifica. Cioè che Andrini non è mai stato condannato per tentato omicidio come ha scritto l’Unità.

Nel frattempo l’allora editore dell’Unità è cessato attraverso un «concordato – spiega l’ex-direttrice – fra vecchi e nuovi editori, che poi sarebbero gli stessi». E il cerino acceso resta in mano alla Madonna pagana del popolo radical chic di Capalbio, Concitata De Gregorio.

Si arriva così ai giorni nostri: tre-quattro mesi fa, ottenuta la sentenza, Andrini passa all’incasso dei 37.000 euro di danni che gli hanno riconosciuto i giudici sventolando il precetto.
Che, evidentemente arriva a segno se, alla fine di ottobre, la De Gregorio si presenta al seminario “Stop all’impunità per i reati e gli abusi contro i giornalisti” organizzato da “Ossigeno per l’Informazione ONLUS” piagnucolando di dover pagare 5 milioni di euro di danni per 145 azioni civili in quanto direttore, «responsabile in solido con l’editore e con l’autore di ogni articolo».

L’elenco dei diffamati a cui i giudici hanno riconosciuto i danni che l’Unità, ovvero Concita De Gregorio, quale direttore, responsabile in solido, devono pagare è lungo: «Dell’Utri, Miccicché, La Russa, Taormina, Previti, Angelucci oltre a Paolo, Silvio e Piersilvio Berlusconi e altri», elenca la De Gregorio.
Fra questi altri c’è, appunto Andrini.
Cosa che fa andare su tutte le furie l’ex-direttoressa dell’Unità.
Passi per Dell’Utri, i Berlusconi, perfino Previti…ma un fascista… è inconcepibile!

E così Concita, Nostra Signora dei Salotti Romani, sbrocca su Twitter come una furia: «Voi, fascisti, mi potete anche sequestrare i conti correnti, impedirmi di pagare l’acqua e la luce, ma non è così che avrete la mia testa e mia voce, poveri illusi. Che ne sapete voi della libertà».

La sfuriata della giornalista non passa inosservata al popolo dei Social.

Qualcuno le fa notare che è un giudice ad averla condannata, non Andrini. E che le sentenze dei magistrati si rispettano. Tutte.

I commenti sono esilaranti: « Ma chi sò ‘sti fascisti che ti impediscono di pagare le bollette? Fanno i picchetti davanti alla Posta?», la ridicolizza Cristina Cersei.

«Se avessi lavorato con correttezza non saresti nei guai – la incenerisce Carmen –  Ti è piaciuto infamare insultare disonorare calunniare tutti quelli che non sono comunisti come te? Ora paga. Il fascismo non centra un cazzo! hai perso la cause xchè i giudici ti han dato torto, non il Duce! Siete malati!».

«Che le lascino almeno l’argent de poche per comprare uno straccetto al mercato», la canzona Lorella.  «…e due ricci di mare al volo», gli fa il controcanto Danilo.

«Gentili signori. Chi mi ha sequestrato il conto corrente si chiama Stefano Andrini. Cercate bio. Non è diffamazione, non è penale. Sono cause civili – si infervora la bionda ex-direttora zittita dal popolo del web – Pago per l’editore che non c’è. il mio debito personale è saldato. Non lamento per me, denuncio per tutti ».

«Fascista. Fascista. Fascista!» ripete come un mantra su Twitter la sincera democratica cantilenando quel ritornello che eccita tanto la sinistra e postando, a coazione – una, due, tre, dieci, venti volte, cento volte – il link a un articolo della Stampa scritto da Mattia Feltri. Molto più cauto e saggiamente prudente dell’infervorata vestale dell’antifascismo de noantri.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • amerigo 4 febbraio 2019

    Quindi, la ciabattona dell’Unità ha fatto bingo. Vale il detto popolare: Prima di aprire bocca, controllare che il cervello sia collegato (e non viri a sinistra). Questi sputasentenze, per decenni, sono stati coccolati dal potere giudiziario: potevano offendere chiunque, tanto i magistrati li avrebbero assolti, a prescindere. Si sono autoridotti ad ectoplasmi e, una volta venute alla luce ulteriori notizie sulle foibe, si dissolveranno come nebbia al sole…

  • rino 4 febbraio 2019

    “Che ne sapete voi della libertà”. E che ne possono sapere i seguaci della “dittatura del proletariato” e nostalgici di Stalin? Per fortuna il giudice d’appello non era una “toga rossa”! La sinistra dimostra il suo spirito dittatoriale proprio col suo agire scorreto, ricorrendo ai magistrati per combattere gli avversari che non può vincere con il voto e con l’ultima chance negli autonomi e nei brigatisti. Bisogna cambiare le leggi quanto prima. Ricordiamo che la nave del recente sbarco resta impunita per l’abolizione del reato di immigrazione clandestina e, sempre per leggi del PD dobbiamo credere sulla parola all’età dichiarata da abusivi africani che ci ridono in faccia. Chi si preoccupa delle donne aggradite, l’ultima a Roma nei sottopassaggi della stazione Ostiense in pieno giorno, un semplice fugace accenno. Ci si preoccupa dei poveri che “scappano dalla guerra” e che vedo in giro vestiti molto meglio di me. Questa Italia è uno schifo!

    • Francesco Storace 4 febbraio 2019

      Comunque bisogna credere nella giustizia

  • Luigi Corsi 4 febbraio 2019

    Cara Concita, mi auguro soltanto che le siano rimaste abbastanza risorse per pagare le bollette di consuma acqua. Sa, dopo una certa “”senectudo”” (latino) accade che la concha (vernacolare iberico) “”olet”” (latino). E, sempre in tradizione latina, mi raccomando le acque lustrali…

    • Francesco Storace 4 febbraio 2019

      Insomma, non la reggi proprio…

  • Mario Cutolo 3 febbraio 2019

    A proposito non la si vede più in giro! Mutato il vento dei palinsesti Rai, con l’avvento del fascistissimo duo Salvini-Di Maio. le hanno pure tolto quella mezzora di visibilità su Rai3. In compenso c’è Augias!

    • Francesco Storace 4 febbraio 2019

      Mica ti lamenterai…

    In evidenza