«Italia Vergogna»: il maestrino tedesco offende, Belpietro lo fulmina. Volano insulti (video)

giovedì 22 Novembre 10:56 - di

Cartabianca esplosiva: metti il giornalista tedesco Udo Gumpel, corrispondente per la tv Rtl in Italia, che prova a zittire Maurizio Belpietro facendo la solita lezioncina da tedesco primo della classe contro l’Italia “somara”. Metti la replica indignata a dire poco del direttore de La Verità. E metti una Bianca Belinguer sull’orlo di una crisi isterica che esclama: «Siete peggio di Sgarbi» e poi intima al cronista tedesco: «È l’ultima volta che lei verrà in trasmissione». Il giornalista tedesco tenta con dei versi  di non far parlare Maurizio Belpietro in una discussione riguardante lo sgombero del centro Baobab. Gumpel dice all’Italia di «vergognarsi» di quanto accaduto, con il tono di chi si  sente intimamente superiore. Cosa che fa molto spesso in tutti gli studi televisivi che si ostinano a invitarlo.

«È una vergogna – sostiene il maestrino tedesco – che un paese ricco come l’Italia non si occupi di sistemare alcune centinaia di persone, o decida se mandarle a casa o no, ma le lascia sotto la pioggia. In Germania, in un paese civile, una cosa del genere non esisterebbe». Apriti cielo, Belpietro, in collegamento, ribatte: «Io penso che in un paese civile gli edifici occupati vadano sgombrati, ma credo anche che sia facile venir qui in Italia a dare lezioni quando la Germania ha costretto l’Europa a pagare 6 miliardi alla Turchia per fermare i migranti che in grandissima parte erano diretti solo da voi». «Fesserie, fesserie, fesserie», urla stizzito il tedesco punto nel vivo. «La tua democrazia, caro Gumpel…sei un signore che non dovrebbe permettersi di venire qui a parlare dell’Italia, un agit-prop che spara balle, vai a fare un altro mestiere». E si spiega, con il tedesco che gi dà sulla voce: «Non accetterò mai che un giornalista tedesco venga qui sul servizio pubblico italiano, pagato dagli italiani, a impedirmi di parlare». La Berlinguer infine abdica: «Questa è l’ultima volta che viene nella nostra trasmissione».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Franco 24 Novembre 2018

    Povera Europa, a leggere i commenti direi che siamo messi male. Poi c’è chi pretende di accogliere ed integrare altri popoli con usanze e costumi sconosciuti quando non riusciamo a sopportarci fra popoli europei molto simili per storia e costumi. E’ AVVILENTE COME SI STA’ DISTRUGGENDO IL SOGNO EUROPEO. E purtroppo noi italiani (nel insieme) che ci troviamo con un debito di 70.000 euro a cranio siamo sicuri di aver agito correttamente in passato, o abbiamo vissuto con un tenore di vita al di sopra delle possibilità (certamente questo non vale per tutti, perché la società è composta da furbi e coglioni) o qualcuno ha sperperato o si è appropriato del malloppo che manca…

  • Sandy Caineo 24 Novembre 2018

    Ho letto paragoni storici che non c’entrano nulla con questa storia, ma la libertà di pensiero è sacra. Gumpel è un porco comunista! Grande Belpietro!

  • sergio 23 Novembre 2018

    A parte Hitler ed i nazisti che non c’entrano affatto, qui ci troviamo di fronte ad un giornalista tedesco di sinistra, arrogante,presuntuoso e maleducato!..Ospite di una trasmissione del servizio pubblico (?) italiano, non ha permesso a Belpietro di replicare!! …Belpietro è distante anni luce da questa ciurmaglia !!!!!!!!!

  • marcello de filippis 23 Novembre 2018

    gumpel è pietosamente fazioso

  • Francy 23 Novembre 2018

    È un imbecille che stia a casa sua e no portarlo qui e pagarlo profumatamente per offenderci vergogna

  • Ben Frank 23 Novembre 2018

    Volkskamarad Gumpel non è un maestrino, è solo deluso per non essere nato 70 anni prima, così avrebbe potuto marciare sotto le bandiere a croci uncinate! I tedeschi sono, non tutti ma in buona e prepotente parte, gli eterni nemici di tutti i popoli. Adolf Hitler non inventò nulla, ma raccolse soltanto il peggio, che questa kriminale kultura aveva prodotto nei secoli, impastando i tanti indigesti ingredienti, per sfornare la più velenosa torta, che l’Europa abbia mai conosciuto. Ingenuo fu Mussolini, a mettersi insieme a tale feccia teutonica. In europa non vi è mai stato un “problema ebraico”, come blateravanoi nazionalsocialisti (o tedeschi, è una tautologia), ma solo un problema tedesco! È dalla fine dellas guerra dei cento anni, che i tedeschi hanno partecipato o imbastito ogni guerra sul continente!

    • Leo Grellede 23 Novembre 2018

      Non so se mettere Gumpel al primo posto per le s****** dette o te per i riferimenti a Hitler (?!) e ai tedeschi “nemici di tutti i popoli”. Fatti una bella studiata di Storia poi scrivi sui Tedeschi. Gumpel è pagato per darci addosso come rutti coloro che oggi attaccano l’Italia. Soprattutto i pennivendoli che sono pagati per questo.

  • Luciano Vignati 23 Novembre 2018

    I tedeschi non smettono di dimostrare che sono una razza di canaglie nazisti e guerrafondai. Ma non dobbiamo condannare il loro operato solo a parole, nei loro confronti dobbiamo mettere in atto una vera guerra commerciale in particolare sulle auto che costano tanti soldi e dal punto di vista inquinamento hanno barato (vedi multa degli Stati Uniti a volkswagen) dobbiamo boicottare anche la loro birra e smettere di fare turismo nelle loro città.

  • Angela. 23 Novembre 2018

    Anziché vergognarsi Delle atrocità commesse in passato,questi tedeschi pretendono di darci lezioni, proprio loro che non sono degni di parlare di noi e con noi.

    • Leo Grellede 23 Novembre 2018

      Fatti un giretto su Wikipedia (di più non meriti e forse nemmeno ci arriveresti) e scrivi “Dresda” o “Hiroshima”. Poi parla di atrocità con criterio non da scolaretta compita che parla di atrocità per sentito dire

  • Sergio 23 Novembre 2018

    Bravo Maurizio, abbiamo bisogno di uomini con le palle

  • Valter Nobile 23 Novembre 2018

    I tedeschi che si vantano di essere civili non hanno capito che sono solo un popolo disciplinato. Se fossero stati anche civili le SS non sarebbero riuscite a sterminare milioni di persone nei lager nel silenzio complice di un intero popolo, certamente disciplinato ma sicuramente non civile. Per i delitti commessi dovrebbero vergognarsi ancora ed evitare di dare lezioni a chi di sicuro non ne ha bisogno.

  • Adriano Callegari 23 Novembre 2018

    Avete notato che questo tedesco assomiglia un poco a Hitler quando era giovane.

  • Gaetano D'Aloia 23 Novembre 2018

    Bravo Bel Pietro e brava per una volta anche la Berlinguer a non dar spazio al predicozzo paternale del tedesco.

  • G.Erman 23 Novembre 2018

    Finalmente gli italiani stanno riscoprendo un po’ di orgoglio nazionale. Bravissimo Belpietro

  • Aurora De palma 23 Novembre 2018

    Straordinario. Meno male che c è qualcuno in Italia che ha ancora sano orgoglio

  • Pasquino Taiocchi 23 Novembre 2018

    Maurizio Belpietro, sei un vero Italiano! Bisogna sempre controbattere con i teutonici. Loro non si schiodano mai dalle loro posizioni arroganti da calvinisti corrotti.

  • Lisetta 23 Novembre 2018

    un assurdo, non sono riusciti a conquistarci nella seconda guerra mondiale e vogliono che diventiamo loro sudditi ora. Che se ne facciano una ragione. Dobbiamo ritrovare la nostra identità di italiani piena di valori, di arte di voglia di fare e di insegnare. Bravo Belpietro e bravi chiunque difenderà il nostro paese. Se in un futuro dovessimo uscire dall’Europa sarà solo per colpa di queste nazione che vogliono continuare a sfruttare la nostra terra.

  • Luisa 23 Novembre 2018

    Sono marci fino al collo e poi pretendono di darci lezioni. Si devono vergognare. Da quando non vogliamo più immigrati siamo bombardati da tutti ma che se li piglino loro se li amano così tanto. Vergogna.

  • Massimo Steffanoni 23 Novembre 2018

    Ma cosa vogliono questi tedeschi di m…a

  • Daniele 23 Novembre 2018

    Questo è il classico tedesco che considera gli Italiani degli “untermensc”, cioè degli esseri inferiori a loro da educare, esempio negativo della arroganza tedesca, che anche se si trova in Italia ed in una TV pubblica, non si esime dal dare lezioni al nostro paese, ormai considerato colonia in Europa, visto il trattamento riservatole dalla commissione Europea.

  • giuseppe abbruzzese 23 Novembre 2018

    Belpietro diceva SCEMENZE piú o meno come le fa stampare su quella pazientissima carta denominata per pura ironia “la Veritá”, che io conosco esclusivamente da “La rassegna Stampa”; Gumpel ha fatto delle giustissime osservazioni e queste hanno fatto incazzare quel tizio, che con modi incivilissimi ha cominciato a sbraitare cose offensive ed incivilissime. Bravo Bravissimo Gumpel. Voi giornalisti di Il Secolo dovreste saperlo ed ammetterlo.

    • Leo Grellede 23 Novembre 2018

      Complimenti. Grazie a Belpietro hai capito chi dice caxxate. Resta cosi: servi da esempio per le future generazioni quando capiranno a che livello di mentecatti abbiamo dovuto prestare – pochissima – attenzione

  • Mauro 23 Novembre 2018

    Infatti il crucco come gli altri suoi compaesani hanno lasciato che decine e decine di ragazze e donne tedesche venissero violentate alcuni anni fa da barbari clandestini importati dal suo governo. Che i tedeschi siano molto meglio di noi ad amministrare la cosa pubblica è noto come è altresì noto che quando sbagliano fanno pagare gli errori agli altri paesi in primis Grecia ed Italia. Caro crucco ci stiamo stancando e si avvicina l’ora in cui vi manderemo a fare in culo ed usciremo dall’euro come giustamente ha fatto l’inghilterra, ed altri paesi più intelligenti di noi che nell’euro non ci sono voluti finire. Comunque brava la bella Berlinguer a non volerlo più invitare in trasmissione.

  • RAFFAELE 23 Novembre 2018

    GRAZIE MAURIZIO …

  • 23 Novembre 2018

    Bisogna sempre ringraziare i grandi esponenti dei passati governi se certa gente azzegarbuglia si permette di venire in Italia e voler imporre le proprie idee,credendosi i padroni dell’Italia.
    Purtroppo i grandi sinistroidi glielo hanno lasciato credere e glielo hanno lasciato fare,pur di perseguire i loro interessi politici ed economici.

  • Anna 23 Novembre 2018

    Questo tedesco invece di venire nel nostro Paese a fare le lezioncine di cui nessuno ha bisogno, tornasse pure al suo paese , pensasse piuttosto a tutti i soldi che la Germania avrebbe dovuto dare e che sono stati azzerati , quindi è proprio lui che si dovrebbe vergognare!!!

  • Bruno paterno 23 Novembre 2018

    Bravissimo Di Belpietro

  • Giuseppe Tolu 22 Novembre 2018

    C’è un altro paese dove andare e poterci rimanere quanto si vuole senza rompere le barbabietole a nessuno. Non volendoci andare, ci si può mandare, ma qualcuno non lo ha ancora fatto con questo povero imbecille?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica