Le donne del Pd: “No ai matrimoni a Villa Mussolini, il Duce tradiva la moglie”

venerdì 7 settembre 14:11 - di Redazione

Troppe coppie chiedono di sposarsi a Villa Mussolini a Riccione. L’edificio, acquistato da donna Rachele nel 1934 e ristrutturato nel 1940, sembra a molti una location perfetta per le nozze, tanto che i continui convivi nella villa del Duce hanno disturbato le donne del Pd, che si sono rese protagoniste di una singolare protesta.

“Villa Mussolini – affermano – torni a chiamarsi Villa Margherita, il nome che aveva in origine, prima che la comprasse Rachele Mussolini. Utilizzare quella struttura per eventi e matrimoni definendola ‘villa del Duce’ è inappropriato: evoca un luogo di morte”. Il perché evochi un luogo di morte, non è spiegato. Ma in aggiunta alle trite motivazioni antifasciste ce ne sono altre: il Duce era un marito infedele e non rispettava la moglie Rachele. “Lì – dicono – è vissuta una famiglia che ha conosciuto l’infelicità, in cui il capo famiglia non ha rispettato la civiltà delle regole del matrimonio, la dignità della sua sposa nella fedeltà coniugale”. Una inaspettata difesa della famiglia tradizionale, dunque.

In risposta ai rilievi delle donne del Pd Edda Negri Mussolini ha postato su Fb un’osservazione della nonna Rachele (cui ha anche dedicato un libro) sulle infedeltà del marito Benito: “Riguardo alle amanti di mio marito, sono problemi personali, ma qual è l’uomo se è un vero uomo, che prima o poi non ha una mancanza e non inganna sua moglie? (poi non scordiamoci il periodo storico, che era romagnolo, la sua posizione tanto che la nonna lo sottolinea) Poi non scordiamoci che mio marito era Mussolini, un uomo dal grande fascino. Era il Duce e a lui si faceva più attenzione. Poi l’unica che l’ha conosciuto veramente sono stata io. L’ho conosciuto e visto per la prima volta che ero ancora una bambina. Sui banchi di scuola. Ero l’unica, la sola che possa parlare di Mussolini così come era. Mi ha amata fino all’ultimo. Quindi smettiamola di parlare di questo”. 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi