Guasto al charter: liberati 15 tunisini irregolari. Salvini vuole vederci chiaro

lunedì 17 settembre 19:21 - di Carlo Marini

L’aereo si guasta e 15 tunisini che dovevano essere espulsi tornano liberi, anche se con un foglio di via che li obbliga a lasciare l’Italia. L’episodio, di cui scrive oggi il quotidiano Il Tempo, è avvenuto giovedì scorso. «Ci sarebbe da ridere se non fosse che la questione immigrazione è maledettamente seria» afferma Eugenio Bravo, segretario generale del sindacato di polizia Siulp Torino. Nel servizio erano impegnati cento agenti, di cui 18 da Torino, partiti dal Cpr per scortare 7 tunisini. «Dopo 10 ore sono arrivati a Fiumicino – dice Bravo -. dove sarebbero confluiti altri tunisini partiti da altre parti d’Italia. Il charter doveva essere diretto a Palermo e poi in Tunisia ma alle 9 si è scoperto che l’aereo era guasto». Due tunisini sono stati portati nel Cie, dove erano disponibili posti, mentre per altri 15 è scattato il foglio di via. «Ma nessuno ottempererà all’ordine – conclude Bravo – Rilasciarli, per quanto legittimo, fa venir meno lo sforzo e l’impegno dei poliziotti».

Salvini: “Ereditiamo gli accordi firmati dal Pd”

Sulla questione il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha chiesto immediati approfondimenti. Intanto, fa sapere il Viminale, sono 40 i tunisini rimpatriati questa mattina con volo decollato da Palermo: tutti erano arrivati in Italia pochi giorni fa e a bordo di barchini. Il resto del gruppo partirà con i prossimi charter, a partire da quello di giovedì. Domani si terrà a Roma una riunione tecnica tra esperti del governo italiano e tunisino. L’obiettivo è rafforzare e migliorare l’intesa esistente, che non soddisfa le esigenze del Viminale, e incrementare il numero di tunisini riaccompagnati nel paese di origine, velocizzando le operazioni. «Il tanto celebrato accordo siglato dal Pd è insufficiente e di difficile attuazione – dice il ministro – dopo aver bloccato gli sbarchi, ora velocizzeremo e miglioreremo le espulsioni. E alcune modifiche sostanziali alle norme esistenti, che complicano la lotta all’immigrazione clandestina, saranno modificate con i decreti sicurezza e immigrazione».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo 19 settembre 2018

    Questa del guasto alla aereo che porta i tunisini e casa e una barzelletta sicuramente andranno a ingrossare le fila degli spacciatori complimenti io avrei un posto per questi delinquenti molto ma molto accogliente del nonritorno

  • Guido955 18 settembre 2018

    Leggo finalmente che qualcuno adombra il sospetto che il guasto forse non era tale. Sarebbe interessante fare un’indagine seria su aereo ed equipaggio. La cosa puzza, ma puzza tanto,

    • Pino1° 18 settembre 2018

      Disgraziatamente chi ha creato questo ‘evento’ non ha molto chiaro nella mente che, se si indagasse a’fondo’ da parte di gente dell’aria che sà, saltano non uno ma…. svariati culi ! Vediamo un po’: Le aree aeroportuali dall’ingresso delle normativa antiterrorismo sono obbligatoriamente video-sorvegliate. Quindi recuperati i files che DEVONO esserci altrimenti sono ca**i amarissimi violandosi da parte della sorveglianza h24 l’obbligo al controllo.. da parte degli enti della sicurezza, dell’autorità portuale che deve avere a seconda dell’orografia del terreno anche copertura del ‘sedime recintato’! Ipotizzo malevolmente?: La lentezza = ed il tempo intercorrente fra decisione d’invio comunicazione e utilizzo aereo ha consentito l’ipotesi di sabotaggio?Minuti? ORE? Giorni? chi ha rallentato di più le operazioni ? La catena delle comunicazioni… partenza-arrivo, punto x punto. Se si, va indagata la catena esecutiva! se Non esistono tracce d’ingresso dall’esterno, si incomincia a fare le bucce a tutto il movimento che ha anche solo rasentato l’aereo verificando tutti gli incarichi dei transitanti e se questi incarichi motivavano l’avvicinamento all’aereo ed alla sua area di pertinenza, la piazzola è dell’aereo ( va precisato che i tecnici sanno benissimo, volendolo, su quale sensore intervenire – un’attimo, basta un carrello, ma per il motore hanno scelto male ,li non si svicola, c’è da lavorare troppo ti beccano, oppure, un’oggetto che viene inserito al volo ma a quel punto il danno non lo fa.. nella cecklist pre-volo c’e il controllo specifico, dalla bocca aspirante all’ugello di scarico! Non hai fatto la ceck ? Scherziamo? C’è un blocco di pagine da fare passo passo, non scappa nulla! Così, stessa cosa per carrelli, ali, elevatori, flap, trim, portelli, sistemi idraulici, elettrici ed elettronici, insomma su ogni singola parte, connessione, limiti di usura giochi tutto, ma proprio tutto sia fuori che dentro si conosce tutto e si capisce tutto! Se la tolga questa soddisfazione, Ministro Farà bene… ricordo sempre il povero Mattei, fu un omicidio d’aeroporto !

  • Pino1° 18 settembre 2018

    Dalla prefettura competente per l’ingaggio dell’aereo non hanno nemmeno chiesto se l’aereo fosse operativo? Se un’aereo ha una avaria o segnalazione di funzionamento anomalo.. figuriamoci se ad un motore !… questa viene segnalata obbligatoriamente, subito, nel borderò di manuale tecnico dell’aereo, nulla era scritto? allora vanno indagati i piloti che per ultimi hanno messo il posteriore sui seggiolini e le chiavi nel cruscotto! Se fosse vero gli va sospesa la licenza di volo! Non è possibile che un problema sia evidente al decollo e non all’atterraggio ! L’avevano noleggiato in transito dal burkina faso? Per chi vola o ha volato… inconcepibile la cosa, quanto hanno pagato per non far decollare quell’aereo?

  • Laura Prosperini 18 settembre 2018

    certo, tutto può essere ma, a livello statistico, è piuttosto improbabile che questo evento succeda, cioè la coincidenza con un volo di rimpatrio ed addirittura un gusto non sanabile che impedisce il volo stesso.
    Un approfondimento è auspicabile

  • Andrea 18 settembre 2018

    Quindi praticamente li hanno liberati di andare a zonzo dove vogliono ! e gli hanno anche fornito la carta igenica per le prossime due evacuate. Mi sa che qui c’è un po di gente che dovrebbe essere arrestata. .. e non sono migranti

  • Giuseppe Tolu 17 settembre 2018

    Aereo guasto, clandestini liberi. Aereo guasto eh!?!? Ci crede qualcuno!?!?!

  • 17 settembre 2018

    Il PD, PD, PD E PSEUDO COMMUNISTI

  • Pino1° 17 settembre 2018

    La mafia continua a gestire sottobanco… la polizia portuale e la gdf che facevano ? Pranzo ?

  • In evidenza

    contatore di accessi