Attenti a quei due: Salvini rivede Bannon e aderisce alla fondazione anti-Soros

sabato 8 settembre 13:23 - di Mariano Folgori

Non è la prima volta che Matteo Salvini incontra Steve Bannon. E certo non è casuale. L’ex guru della Casa Bianca nonché artefice della trionfale campagna elettorale di Donald Trump ha da tempo scelto la sua base operativa in Europa, terra che gli appare assai promettente per la diffusione del suo verbo “populista”.

La sua intesa con il leder della Lega è un fatto naturale e, diremmo, “fisiologico”: fatto sta che i due si sono incontrati ieri a Roma. Era presente anche Michael Modrikamen, uno dei fondatori di The Movement, la fondazione anti-Soros che mira a riunire le forze antitecnocratiche e sovraniste, in vista delle prossime elezioni europee del 2019. È proprio Modrikamer a postare la foto su Twitter, con tanto di annuncio dell’adesione di Salvini alla nuova organizzazione no-profit, che secondo un’intervista di Bannon al The Daily Beast, si occuperà di lavorare, con analisi e raccolte fondi, per la crescita dei “partiti populisti” europei.

“Incontro stamattina con Steve Bannon e Matteo Salvini. The Movement: è dei nostri”, recita la didascalia pubblicata sul profilo di Modrikamen. Sono ancora pochi i dettagli che circolano sull’incontro. Di certo, per ora, c’è l’obiettivo della fondazione: supportare “l’internazionale populista” nel percorso verso la conquista del Parlamento europeo a maggio del 2019. Una Open Society al contrario, insomma, che mira a far ottenere un risultato elettorale storico ai partiti cosiddetti anti-sistema.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Paola 10 settembre 2018

    EVVIVA!!!!!

  • Mauro Garlaschelli 9 settembre 2018

    …se posso entrare nel Gruppo…ci entro ora… 2PERSONE KKK…

  • Vincenzo 9 settembre 2018

    A questo non lo ferma nessuno.

  • Antonio 9 settembre 2018

    Invece di prendersela con il Premier Ungherese Orban che è amato e votato dal suo Popolo, perché difende gli interessi dell’Ungheria a differenza della sinistra italiana, è sacrosanto combattere individui spregevoli come Soros e gli altri tecnocrati nemici dell’Italia

  • Angela 9 settembre 2018

    Ottima scelta di Salvini!

  • serena 9 settembre 2018

    Bravi e belli! Per una Europa di destra, Hip Hip Urrà!!

  • Aurora De palma 9 settembre 2018

    Una alternativa titanica, ma se serve ad equilibrare nn combattere, sta bene a tutti

  • Pino1° 8 settembre 2018

    Carbone in caldaia e avanti così !

  • In evidenza

    contatore di accessi