Fca, nuovo scossone: si dimette Altavilla, era uno dei papabili alla successione

lunedì 23 luglio 13:51 - di Angelica Orlandi

L’indiscrezione circolava con insistenza a Torino. Ed ora c’è la conferma: il responsabile delle attività europee di Fca, Alfredo Altavilla, si è dimesso dall’incarico. Sarebbe questa una delle conseguenze della nomina di Mike Manley, il capo del brand Jeep, alla successione di Sergio Marchionne. Altavilla, insieme a Richard Palmer, responsabile finanza del gruppo e Pietro Gorlier, amministratore delegato di Marelli, era stato indicato secondo indiscrezioni mai confermate, come uno dei papabili alla successione. Le sue dimissioni rappresentano un altro scossone per il tutto il gruppo e aprono la questione della successione in uno dei posti chiave della nuova Fca di Manley, il governo delle attività europee e dunque italiane. Non a caso, il titolo Fca, che aveva ripreso quota dopo l’apertura mattutina in calo vistoso, ha nuovamente perso posizioni.

Cinquantaquattro anni, nato a Taranto, laurea in Economia all’università di Milano, è entrato nel 1990 in Fiat Auto, occupandosi di pianificazione strategica e sviluppo prodotto. Nel 1995 la prima esperienza internazionale, con la nomina  a Responsabile dell’Ufficio Fiat Auto di Pechino, seguita nel 1999 da quella a Responsabile delle attività in Asia. Fedelissimo di Sergio Marchionne, è stato al suo fianco in una delle fase più delicate della gestione del manager italo-canadese, la trattativa con General Motors per non far scattare l’esercizio dell’opzione put che avrebbe portato il costruttore Usa a rilevare l’azienda italiana e che si è chiusa con lo scioglimento dell’intesa e il pagamento di 1,55 miliardi da parte di Gm. Altavilla ha guidato Fiat Powertrain e Iveco. Nel maggio di quest’anno Altavilla è entrato anche nel cda di Tim, indicato da Elliott dopo il riassetto seguito allo scontro con il socio di maggioranza Vivendi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica