Lite finita nel sangue: 80enne pugnala a morte il figliastro per le bollette non pagate

lunedì 30 aprile 11:35 - di Redazione

Una lite degenerata e finita nel peggiore dei modi a Monterotondo, vicino Roma, con alcune coltellate al torace: così un 80enne ha ucciso un 56enne, figlio dell’ex compagna morta già da qualche tempo. Vecchie ruggini, soliti dissapori – sembra infatti che, dalla morte della madre del 56enne, tra l’anziano compagno della donna e suo figlio ci fossero state già diverse discussioni accese – e stavolta tutto aggiornato al mancato pagamento di alcune bollette…

Bollette non pagate: 80enne uccide il figliastro

Fatto sta che l’80enne è andato armato di coltello all’incontro con il figliastro: coltello andato a segno quando, al culmine del litigio furibondo, un 56enne è stato ucciso nella tarda serata di ieri a Monterotondo, vicino Roma, con alcune coltellate al torace. Sul luogo del delitto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Monterotondo che con l’accusa di omicidio e porto abusivo di arma, hanno arrestato l’anziano assassino. Da una prima ricostruzione sembra che i due avessero litigato per alcune bollette non pagate. Il 56enne avrebbe dapprima dato una testata all’anziano che, reagendo all’aggressione, avrebbe tirato fuori il coltello che aveva con sé, pugnalando più volte il figliastro all’addome. Dopo l’accoltellamento il ferito è stato soccorso sul pianerottolo dell’abitazione in cui viveva con un coinquilino che ha dato l’allarme, mentre l’anziano è fuggito, ma è stato rintracciato e fermato poco dopo dai carabinieri e posto ai domiciliari. Inutili i soccorso del personale del 118 intervenuto sul posto: il 56enne è morto a seguito delle gravi ferite.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza