Il vergognoso gioco per bambini degli “antifà”: bastonare Mussolini a testa in giù

giovedì 26 aprile 17:18 - di Redazione

A Macerata, la città dove la povera Pamela è stata massacrata dai nigerini e dove Luca Traini ha sparato su un gruppo di africani per vendicarla, la festa della Liberazione del 25 aprile si è trasformata in una macabra rappresentazione di Piazzale Loreto, organizzata, nell’ambito di un’iniziativa sportiva e ludica con i bambini, dai gruppo “antifà” della zona.

In nome dell’antifascismo, ieri, a Macerata – come riporta il Corriere Adriatico – è andata in scena una vergognosa e macabra rappresentazione, a piazza Cesare Battisti, dove sono stati stesi tappetini per la kickboxing al fianco di una forca con pupazzi appesi a testa in giù. Il soggetto in questione era Benito Mussolini (foto tratta dalla pagina Fb di CasaPound Macerataovviamente al centro di una “pignata”, il giochino che prevede di colpire i fantocci con i bastoni. Orrore nell’orrore, veniva chiesto ai bambini di esercitarsi in questo squallido gioco, dando al massacro della figura di Mussolini un’impronta “pedagogica”, sotto gli oggi di chi, nel nome del 25 aprile, era accorso in piazza e si è divertito a scattare foto e farsi selfie. Così nel cuore di Macerata c’è stato chi ha voluto festeggiare il 25 Aprile in modo “pedagogico”.

La paternità dell’iniziativa sarebbe del collettivo Antifà. Ch ne rivendica orgogliosamente i risultati, senza vergogna.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • valerie 26 aprile 2018

    E’ evidente che il pallino ossessivo di questa gente è il terrore; passano le loro esistenze a esorcizzare qualcosa che li sta terrorizzando, e non manca una giornata senza un nuovo rituale, che ovviamente fallisce, tant’è che il giorno dopo ricominciano i rituali, e poi ancora, e ancora. Non ci resta che sperare che tutto questo terrore sia più che motivato.

    • angelo 27 aprile 2018

      I PDidioti non si smentiscono mai!!!

  • Andrea 26 aprile 2018

    Orrore nell’ orrore , proprio così . Credo che una simile rappresentazione sia una terribile novità ,non mi risulta che prima d’ora si sia verificato nulla di simile.Se avessi avuto dei figli mi sarei categoricamente rifiutato di renderli strumenti di odio , sono scioccato e avvilito.

    • angelo 27 aprile 2018

      Non c’e nessuno più cretino di un Sindaco Pd !!!!

    In evidenza