Siria, attacco jihadista contro le forze di sicurezza di Homs: 42 le vittime

sabato 25 febbraio 11:09 - di Adriana De Conto

A riferirlo è l’Osservatorio siriano dei diritti umani, secondo il quale sin dall’alba nella città si sono sentiti colpi di arma da fuoco ed esplosioni. Non è ancora chiaro se si tratti di un attacco dell’Isis o di altri gruppi terroristici. Stando a quanto riferito dal governatore di Homs, Talal Barzani, all’Associated Press, le esplosioni sono state tre. L’obiettivo dell’attentato erano due basi dei servizi di sicurezza. 

Nuova sigla jihadista 

L’attacco non è stato rivendicato. I maggiori sospetti sono sul gruppo jihadista Hayat al-Tahir al-Sham (Hts), l’ultima incarnazione di Al-Qaeda in Siria, che ha inglobato altri gruppi ribelli nelle province di Idlib, Hama e anche Homs. Dopo la sconfitta ad Aleppo i jihadisti hanno intensificato le operazioni ad Hama e nel bordo settentrionale della provincia di Homs, ma questa sarebbe la prima volta che riescono a colpire il capoluogo, segno che sono riusciti a infiltrare di nuovo cellule nella città vecchia, da sempre roccaforte jihadista.  Gli attentati hanno colpito i quartieri generali delle forze dell’ordine statali e dei temibili servizi segreti militari e civili, nei quartiere di al-Ghouta e Al Mahatta, nel centro della città. Secondo il direttore dell’ong, in azione c’erano almeno sei terroristi e alcuni di loro si sono fatti saltare in aria. Tra le vittime c’è il capo dell’intelligence militare, generale Hassan Daabul.Siria

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza