Inchiesta sul buco in Campidoglio. Alemanno: “È giusto fare piena luce”

domenica 14 agosto 19:45 - di Guido Liberati

È stato aperto un fascicolo contro ignoti e senza ipotesi di reato sul debito del Campidoglio. Ne dà notizia il quotidiano Il Messaggero. L’esposto in procura è arrivato alla vigilia delle elezioni, firmato da Carla Raineri, attuale capo di gabinetto del sindaco Virginia Raggi, e Marcello Minenna (ora assessore al Bilancio), entrambi a fianco del commissario straordinario Francesco Paolo Tronca. Il nodo è quello del dissesto del Comune di Roma e dei derivati, acquistati nel 2002 dalla giunta Veltroni (sui quali la procura ha già indagato).

Alemanno: “Denuncio il buco in Campidoglio dal 2008”

Sulla notizia del fascicolo in Procura è intervenuto Gianni Alemanno: «Ho appreso con interesse che la Procura della Repubblica di Roma ha aperto due fascicoli sul debito da noi ereditato nel 2008 dalle precedenti amministrazioni di sinistra, e sull’utilizzo di derivati da parte dell’allora sindaco Walter Veltroni nel 2002. In effetti – prosegue l’ex sindaco di Roma – la nostra amministrazione, dopo il lavoro della commissione di inchiesta istituita dal Ministero dell’Economia nel 2008, aveva trasmesso alla Procura e alla Corte dei Conti le relazioni che erano derivate da questo lavoro, e che denunciavano appunto l’occultamento del debito avvenuto fino a quel momento e l’incauto utilizzo di prodotti finanziari derivati. Nonostante ciò nessuna inchiesta è stata mai aperta, e queste denunce sono rimaste a dormire fino a oggi. Mi auguro – conclude Alemanno – che venga fatta piena luce su questa situazione, perché non è giusto che i cittadini romani paghino un’addizionale Irpef speciale fino al 2048 proprio per riparare alle inadeguate gestioni finanziarie delle amministrazioni di centrosinistra».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza