Pronte le nomine per la Cassazione. Il 22 deciderà il plenum del Csm

mercoledì 16 dicembre 16:44 - di Francesca De Ambra

Sarà il plenum del Csm del prossimo 22 dicembre, presieduto dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, a nominare il nuovo primo presidente della Cassazione. Lo ha annunciato il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini. Il plenum presieduto da Mattarella dovrà dunque scegliere tra i due nomi proposti dalla Commissione per gli incarichi direttivi: si tratta di Giovanni Canzio, attuale presidente della Corte di appello di Milano – per il quale hanno votato le consigliere laiche Paola Balducci (Sel) e Elisabetta Casellati (Fi) e i togati Massimo Forciniti (Unicost), Claudio Galoppi (Magistratura Indipendente) e Valerio Fracassi (Area) – e Franco Ippolito, segretario generale della Cassazione, sostenuto dal presidente della Commissione, Lucio Aschettino (Area).

Il Csm sarà presieduto da Mattarella

Per il vice, cioè presidente aggiunto,  il nome più accreditato è quello di Renato Rordorf, presidente di sezione in Cassazione e presidente della Commissione per la riforma del diritto fallimentare. Anche in questo caso la Commissione per gli incarichi direttivi ha chiuso la propria istruttoria con un cinque a uno. In questo caso il candidato di minoranza corrisponde a quello di Sergio Di Amato, anche lui presidente di sezione in Cassazione. Il suo nome è stato proposto da Forciniti.

Canzio (presidente) e Rordorf (vice) i nomi più accreditati

Rordorf si era candidato anche per la presidenza della Suprema Corte ed era considerato uno dei concorrenti più titolati. Anni fa aveva sfiorato la nomina a presidente della Corte d’appello di Milano. Ma alla fine gli venne preferito Alfonso Marra, che poco dopo dovette dimettersi dopo il suo coinvolgimento nelle indagini sulla cosiddetta P3.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *