L’inaugurazione del nuovo Canale di Suez. Al-Sisi: «Sconfitti i terroristi» (video)

6 Ago 2015 17:35 - di Domenico Labra

Con una cerimonia sfarzosa e alla presenza di autorità politiche e religiose da ogni parte del pianeta il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi ha inaugurato il nuovo Canale di Suez. Canale che perciò adesso raddoppia la sua capacità di trasporti.  E infatti, due navi che si incrociano, una proveniente da nord e una proveniente da sud e che suonano le sirene sono state il segnale dell’inaugurazione del nuovo Canale di Suez. Un grande applauso in sala stampa e tra i leader mondiali. Abdel Fattah al-Sisi si è recato a Ismailia, centro su una delle sponde di Suez, dove è avvenuta la cerimonia di inaugurazione del Nuovo Canale di Suez, tra rigidissime misure di sicurezza nell’area con in campo polizia, esercito e forze speciali. All’evento hanno partecipato infatti molti capi di Stato e di governo tra cui il presidente francese Francois Hollande, il premier russo Dmitri Medvedev e quello greco Alexis Tsipras. A rappresentare l’Italia il ministro della Difesa, Roberta Pinotti. Il presidente egiziano, vestito in uniforme militare,  a bordo dello yacht al Mahrousa, insieme a decine di leader e capi di Stato, ha perciò effettuato dapprima un sopraluogo nel nuovo Canale di Suez e quindi provveduto alla formale inaugurazione dell’importantissima via d’acqua. Il momento emotivo si è visssuto quando al-Sisi si è avvicinato ad un bambino di 9 anni che indossava una divisa militare e teneva la bandiera egiziana: il presidente lo ha abbracciato e si è fermato accanto a lui. Insieme al capo dello Stato egiziano anche il responsabile dell’autorità del canale Mohab Mamish. Elicotteri, aerei e caccia hanno sorvolato incessantemente la zona dall’alto. Nel nuovo tratto, accanto allo Yacht presidenziale, anche una fregata e varie imbarcazioni della marina egiziana hanno sorvegliato la regolarità della cerimonia. Al-Sisi è stato netto e ha rivendicato la costruzione con orgoglio: “I terroristi hanno cercato di nuocere all’Egitto e di fermare il nostro cammino, Abbiamo costruito il nuovo Canale di Suez tra mille difficoltà ma vi siamo riusciti”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA