Mastercard ai migranti: l’Unhcr scrive a Fico per zittire Fratelli d’Italia (video)

lunedì 12 novembre 18:13 - di Guido Liberati

Le carte prepagate ai migranti sono vere, esistono sul serio e non sono una bufala. Lo ha confermato la portavoce Unhcr Carlotta Sami su La7, ma certe domande, come quella posta in diretta tv da Carlo Fidanza di Fratelli d’Italia, non sono state gradite.

La denuncia di Giorgia Meloni

Come denuncia Giorgia Meloni su Facebook, l’alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) ha scritto al presidente della Camera per chiedergli di “silenziare” deputati come Fidanza che fanno domande che “fomentano l’odio e l’intollleranza”. 

tabella-soldi-per-rifugiati

Ai migranti un fondo da 330 euro mensili

Eppure, dopo l’intervento del deputato di FdI, che chiedeva come mai i migranti trovati dalla polizia croata avessero delle MasterCard, sarebbe stato molto più facile fornire tutte le spiegazioni a riguardo. Si poteva spiegare che le MasterCard sono state emesse per i rifugiati arrivati in alcune nazioni (Libano e Grecia, in particolare) e che possono essere utilizzate solo entro quei confini. Secondo il documento ufficiale di Unhcr il budget a disposizione di ogni profugo varia da un minimo di 90 euro a un massimo di 330 euro mensili.

La carta con il logo della Unhcr

La carta con il logo della Unhcr

Il numero di Mastercard con George Soros

Il numero di Mastercard con George Soros

Tra Mastercard e Soros un accordo siglato un anno fa

L’agenzia dell’Onu poteva anche spiegare come mai l’accordo fosse stato siglato proprio con MasterCard, che (casualmente?) nel gennaio 2017 ha siglato un altro progetto con George Soros proprio per aiutare migranti e rifugiati. La domanda che poneva Fidanza era molto semplice: c’è Soros dietro queste carte prepagate ai migranti? C’è lo speculatore ungherese che incoraggia i migranti ad arrivare in Europa come manodopera a basso costo? Domande semplici e lecite, visto che Soros e il ceo di MasterCard a Davos si sono incontrati per affrontare proprio questo tema. Si trattava solo di una coincidenza? Di certo, la lettera di Unhcr, che chiede a Fico di zittire i deputati di Fratelli d’Italia è estremamente inquietante. Anziché fare chiarezza si chiede censura. E Meloni chiede appunto su Facebook di non far passare sotto silenzio l’intimidazione che arriva da Ginevra (e forse da qualche ufficio di New York).   

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • nephis33@gmail.com 14 novembre 2018

    Vergogna molti italiani muoiono di fame…basta con questi sprechi di Denaro Pubblico non basta che li manteniamo……

  • flo.faso@libero.it 14 novembre 2018

    questa è un associazione criminale altro che umanitaria pensano solo ai c**** loro e fico ? meglio non parlarne

  • lauro.berchicci@gmail.com 14 novembre 2018

    tutto finisce se si prendono tutti questi clandestini colorati e li si sbarca ad un miglio dall’Africa, il resto a nuoto e si sistema tutto

  • 3nzosk@gmail.com 13 novembre 2018

    Dietro questo, oltre alla manodopera a basso costo, c’è un disegno per farci abituare al diverso (e chi è esteriormente più diverso fra bianco e nero) allo scopo di sconfiggere il razzismo e con esso i paventati rigurgiti antisemiti.

  • info@ilconsumatore.eu 13 novembre 2018

    Poichè la FNSI scende in piazza per denunciare le offese ai giornalisti, trattandoli da scicalli e puttane, dovrebbero dimostrare di essere liberi e con la schiena dritta da scrivere su questo tentativo dell’UNHCR di indicare al presidente della Camera Fico, di riprendere il partito della Meloni di non sulle legittime richieste di conoscere chi sia il finanziatore di queste carte di credito insistere sulla richiesta di chiarimenti come ogni democrazia pretende. Cari giornalisti, dimostrate di non subire nessuna censura e di denunciare queste notizie.

  • fabio dominicini 13 novembre 2018

    Ora che sono a conoscenza di questo accordo MasterCard / Soros mi guarderò bene da rinnovare questa carta di credito.
    Che poi le Nazioni Unite tramite la UNHCR si permettano per subdoli motivi di interferire nelle decisioni di un Governo sovrano ed indipendente affinché non si opponga all’immigrazione clandestina ed al conseguente sfruttamento della manodopera a basso costo dei novelli schiavi , è inaccettabile.
    Detto intervento deve essere stigmatizzato pubblicamente dallo stesso Fico con un invito alle Nazioni unite a non ingerirsi nelle decisioni del nostro Governo.-

  • franco.prestifilippo@tin.it 13 novembre 2018

    AGIAMO lì dove si può senza paura e non continuiamo a passare per deficienti.

  • luciferoverde@gmail.com 13 novembre 2018

    Dovreste Vergognarvi quando in Italia c’e’ chi ha perso casa e che non ha neanche un posto di lavoro……fate Schifooooooo

  • serdanip@outlook.com 13 novembre 2018

    Andiamo bene! Il nostro esimio Presidente spezza lance e spade a favore della libertà di stampa ma non ne spezza mezza sulla censura richiesta da questa “associazione” dell’ONU che già ospitava la signora Boldrini? Niente male….ma io mi sento ogni volta di più straniero in Patria.

    • sergio la terza 13 novembre 2018

      siamo d’accordo con te.anche noi profughi istria e Dalmazia ci sentiamo ancora una volta traditi dall’Italia.-

  • m.steffanoni@virgilio.it 13 novembre 2018

    Noi Italiani vogliamo sapere:
    A) se e’ vero che mastercard ha dato il suo contributo a questa situazione, se veritiera saro’ il primo a chiudere i contatti con la società.
    B) togliere subito il contributo che l’Italia versa al UNCHR chiedendo anche agli altri stati di aderire
    c) mandare a quel tal paese le Nazioni Unite che ormai fanno solo DANNI

  • Pellidabergonzoni@gmail.com 13 novembre 2018

    Giorgia non mollare, questo finanziere che si crede il padrone del mondo,non sa che non lo vogliamo,basta di questi furbacchioni che speculano sulla pelle degli Italiani!

  • casa.fiore@gmail.com 13 novembre 2018

    si conviene alzare di molto la voce in EUROPA in quanto tutto l’insieme ci stanno prendendo per i fondelli e non dobbiamo permettere di abusare della nostra intelligenza, (buoni si , fessi no) GIORGIA , non mollare andiamo a fondo del problema, Grazie

  • laurabovati@yahoo.it 13 novembre 2018

    Il documento allegato all’artIcolo parla chiaro. Le domande del parlamentare di FdI erano più che lecite, da cittadina italiana direi DOVUTE per chiarezza e rispetto verso i cittadini di questo paese che subiscono questa indegna invasione! Che Fico non si permetta di zittire nessuno! Vergogna!!!

  • max.bialystock@libero.it 13 novembre 2018

    speriamo che anche i politici contrari al reddito di dignità per gli Italiani

    la smettano di remare contro per fare gli interessi (miopi ma proprio miopi e sbagliati) di confindustria!
    Non è tollerabile che quel meschino soros si compri un tot al chilo i nuovi diperati/lavoratori
    affinché gli stipendi futuri possano essere da fame così i ricavi – costi = profitto
    possano essere massimizzati
    questo è soros e questa è la cultura (?) dei suoi compari (rotschild, rockfeller, morgan e altre poche famiglie) approfittarsi di interi popoli strozzati finanziariamente (da loro stessi)

  • roccoangela60@yahoo.it 12 novembre 2018

    Che schifo!!!ai migranti la carta di credito e a nostri cittadini italiani poveri …il nulla…ma che giustizia è questa?

  • 12 novembre 2018

    Giorno per giorno mi sembra un complotto Americano, la verità va detta!!! Solamente cittadini Italiani possano censurare il governo Italiano…questa situazione PUZZA!