Appendino patrona dei gay: “padre” e “madre” all’anagrafe non torneranno

venerdì 16 novembre 19:36 - di Ezio Miles

Chiara Appendono si propone come patrona dell’universo  Lgbt e gay contro quel “barbaro” e “retrogrado” di Salvini che vorrebbe reintrodurre la dizione “padre” e “madre” nei moduli per i documenti dei minori. «Noi rimaniamo dell’idea che sia giusto il passo in avanti che si è fatto e che la posizione di Salvini sia un passo indietro. Noi continueremo per la nostra strada e non faremo marcia indietro». Così la sindaca di Torino, commenta la decisione del Garante della privacy che ha dato torto al ministro dell’Interno sull’abolizione di  “genitore 1 e 2” nei moduli per il rilascio della carta d’identità per i figli minorenni.

«Essere riconosciuti da legge e da linguaggio non è marginale», insiste la Appendino in un contorto ragionamento che risulta lontano un oceano dal buon senso comune. «È il primo passo – dice Chiara – per dimostrare che una cosa esiste. Spesso si pensa che conquistare un diritto sia conquistarlo per qualcuno, invece – ha concluso – è un diritto conquistato per tutta la comunità». Sai quanto gliene importa alla “comunità” dei cittadini di “genitore 1 e genitore 2” sui moduli dell’anagrafe..

Il fatto è che la Appendino è crisi di astinenza di applausi e li cerca al XVI congresso nazionale di Arcigay «Torino ha dato molto in tema di diritti, sta continuando a dare e così continuerà “, perché “su questo tema non credo servano appelli ma fatti e azioni politiche. A Torino  abbiamo iniziato con le trascrizioni all’anagrafe di figli di coppie omogenitoriali, aprendo una strada seguita da molti sindaci. E la città non farà nessun passo indietro in termini di diritti Lgbt ma ove possibile continueremo a fare fatti». Chissà quanto gliene saranno grati gli elettori quando si tratterà di rivotare per il sindaco e per la giunta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • gianfranco 17 novembre 2018

    Si vede che non leggete quanto dice la Chiesa circa le questioni etico/morali.
    “La famiglia è sotto attacco” dice papa Bergoglio è per questo “sotto attacco” intende tutto ciò che ‘macchia’ la bellezza del matrimonio cristiano e, per quanto riguarda genitore uno e genitore 2 chieda ad Internet cosa pensa la Chiesa in merito. Leggere, prima di parlare a vanvera.

  • melodia792 17 novembre 2018

    Ma noi siamo per questo dei bizantini, crediamo di essere originali della paritá, invece siamo dei retrogradi. Io non vado in giro a dire che sono un uomo e non sono gay. Fatemi un piacere! Chi grida di piú vuol dire che ha torto marcio, come l’arcigay che a ogni pie sospinto grida per i loro diritti. E io invece non grido. Per questo non siamo credibili in Europa e nel mondo. Inn questo Salvini ha perfettamente ragione.

  • Ivan 17 novembre 2018

    I 5 stelle stanno facendo di tutto per perdere consensi.
    Certamente gente come Fico, Appendino, Raggi e Casalino .non vedranno mai il mio voto.

    M5S, continuate a farvi male e farete la fine del PD e delle sue scelte idiote.

  • Pierpaolo 17 novembre 2018

    Un cappuccino è fatto da un caffè e un pò di latte : non avrai mai un cappuccino da 2 caffè o un cappuccino da due parti di latte…..chiaro no ? °_°

    genitore 1 e genitore 2 ……brrrbrrrr, mi vengono i brividi……mumble-mumble ….mi pare di aver sentito George Orwell che si rivolta nella tomba °_°

  • Giuseppe Tolu 17 novembre 2018

    Quando vai a trovare i tuoi cari cosa dici, vado a trovare genitore 1 e genitore 2 ? Oppure mamma e papà? Bisogna finirla con questa accidenti di privacy, anche perché sotto “il genitore1o 2” dovrai pur mettere il nome maschile o femminile, quindi? Ma che razza di stupidaggine è mai questa! Il primo di voi che si alza, ancora assonnato, se ne inventa una nuova per il fatto della privacy. Ma per favore!

  • Angela 17 novembre 2018

    Ma la Chiesa che mette becco su tutte le questioni anche quelle che non le competono,come mai sta zitta dinanzi a questa cosa?cosa ne pensa il signore vestito di bianco?trovo che “genitore 1e 2″sia davvero imbarazzante per un bimbo che va all’asilo o alle elementari, l’egoismo di alcuni gay è davvero miserevole e ingiusto verso un bambino che non potrà mai pronunciare la parola “mamma” e”papà”.