Il Viminale smantella il modello (truffa) di Riace: basta fondi e via i migranti

sabato 13 ottobre 19:40 - DI Monica Pucci

L’inchiesta ha prodotto i primi risultati: “Stop al progetto Sprar di Riace: i migranti presenti nel Comune saranno trasferiti altrove“, fa sapere il Viminale. Alla faccia della sinistra e di Saviano che si erano mobilitati in difesa del sindaco “col pugnetto comunista” Mimmo Lucano, per il quale si indaga su irregolarità e matrimoni combinati.

In generale, i progetti Sprar, vengono rinnovati ogni tre anni: nel caso di Riace si parla del triennio 2017-2019, ma già dall’estate scorsa il Viminale – spiegano le fonti – aveva bloccato alcuni pagamenti per anomalie nella documentazione presentata dall’amministrazione locale. Nel 2018 il comune di Riace non ha ricevuto fondi e il 30 luglio scorso il sindaco Mimmo Lucano era stato avvisato della revoca dei finanziamenti, diventata ufficiale all’inizio di questa settimana.

I migranti di Riace, secondo fonti del Viminale, verranno trasferiti già dalla settimana prossima, e nel giro di un mese dovrebbero essere ricollocati in altri centri. Il coordinamento delle operazioni è affidata al Servizio Centrale, ufficio istituito dall’Anci (in base a una convenzione con il Viminale) e che gestisce la rete Sprar. Si sottolinea, continuano le fonti, che la convenzione del ministero con Anci, l’approvazione del progetto Sprar a Riace e i primi stop ai finanziamenti per presunte irregolarità si riferiscono a gestioni precedenti all’arrivo di Matteo Salvini al Ministero.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giuseppemarroni@virgilio.it 8 novembre 2018

    Che si possa pensare di fare solidarietà è un conto. Altro è specularci sopra a spese degli altri, come sembra sia accaduto, da parte di questo sindaco.
    Ancora: è facile riempire un paese di immigrati, dove non c’è nessuno, o poche anime. Altro,invece, è farlo dove ci sono agglomerati di persone. E lì, vediamo i caos e gli attriti, che si creano tra abitanti del posto e immigrati.(Alle volte, perfino a sfociare in un aumento della delinquenza)
    Quindi, Il definire un esempio il “modello Riace”, come piace dire alla sinistra, è puramente una s*********.
    Purtroppo, gli imbecilli di sinistra, presi dall’enfasi del concetto di società multietnica, pure di arrivare a questo, sono disposti anche a fare s******** contrarie alla legge.
    In altre parole: “Il fine giustifica i mezzi”.
    Anche questa, come razzismo, xenofobia o pregiudizi nei confronti degli altri, è sottocultura.

  • Carlo.buzzi13@gmail.com 14 ottobre 2018

    Questo sindaco di riace non lo faceva per solidarietà ma per riempirsi le tasche in barba agli italiani che pagano le tasse il sindaco a braccetto della boldrini e saviano fuori dalle palle

  • scaldom@hotmail.com 14 ottobre 2018

    ben fatto, la pacchia è finita

  • gandinis@tin.it 14 ottobre 2018

    Aspetta la banda…

  • roccoangela60@yahoo.it 14 ottobre 2018

    Altro che accoglienza caritatevole,con gli immigrati dietro l’angolo c’è sempre il business.

    • scaldom@hotmail.com 14 ottobre 2018

      già, questi fanno gli eroi dell’accoglienza con le tasche degli italiani e allo stesso tempo riempiono le loro

  • 13 ottobre 2018

    E la prigione per i colpevoli ???