Gasparri: «Anche un bambino di terza elementare avrebbe bocciato la manovra»

Un giudizio severo. «Non ci voleva nemmeno l’esame della Unione Europea per bocciare la manovra del governo a trazione grillina. Bastava uno studente di terza elementare. Di Maio è un imbroglione che diffonde bugie». Il giudizio è del senatore di Fi, Maurizio Gasparri, a commento della lettera con cui l’Ue si dichiara preoccupata dei numeri contenuti nel Def. Spiega Gasparri ed entra nel merito: «Parliamo del reddito di cittadinanza. Si stanziano 10miliardi, di cui uno servirà ai centri per l’impiego. Ne restano 9. Erogando 780 euro al mese e moltiplicando per dodici mesi questa cifra, si ottengono 9.360 euro l’anno per ciascun avente diritto al reddito di cittadinanza».

Gasparri: «Di Maio mente»

Pertanto, «Dividendo i 9 miliardi per i circa 9mila euro si ottengono un milione di persone che potrebbero, in teoria, usufruire di questo reddito. Non poche, ma molte meno dei sei milioni e mezzo di italiani di cui, mentendo spudoratamente, parla Di Maio. Ed anche erogazioni parziali non consentirebbero di raggiungere mai una cifra che richiederebbe un investimento di circa 70 miliardi. Come volete che possano giudicare una manovra così falsa, truffaldina èindegna?». Po Gasparri rileva inoltre un fattore che sta susscitando molto malumore e confusione: «Peraltro, ricordiamo a Salvini che in questo milione di potenziali destinatari del reddito di cittadinanza, un sesto di quelli di cui parla il bugiardo Di Maio, la gran parte sarebbero rumeni residenti in Italia, e extracomunitari con permesso di soggiorno. Insomma, la Lega sta collaborando con gente che regala i soldi degli italiani agli extracomunitari. Una autentica follia. Imbarchiamo migliaia e migliaia di navi Diciotti con assegno annesso. Ma siamo matti?», conclude Gasparri.