Tajani: «Bannon se ne stia a casa, no alle intrusioni americane»

sabato 22 settembre 16:20 - di Viola Longo

A che gioco gioca Antonio Tajani? Il vicepresidente di Forza Italia, impegnato in una kermesse azzurra a Fiuggi, da un lato continua a sottolineare che «i cittadini vogliono un accordo di centrodestra» e dall’altro riserva agli alleati frecciatine al vetriolo. Finendo per scivolare in qualche affermazione che ha il sapore del vero e proprio sgarbo.

Atteso come ospite ad Atreju, Tajani ha fatto sapere che non sarebbe andato perché fortemente influenzato. Lo ha annunciato lui stesso, precisando di aver informato Giorgia Meloni, «scusandomi». «Per motivi di salute non potrò essere lì», ha chiarito dalla kermesse di Fiuggi, dove, come si conviene a un “padrone di casa”, non ha comunque abbandonato i lavori, ai quali ieri aveva partecipato anche la stessa Meloni. Ciò che invece lascia più interdetti è il fatto che il numero due di FI abbia sentito la necessità di stigmatizzare la presenza di «Steve Bannon in Italia». Ovvero, ad Atreju: il “guru” del sovranismo internazionale è fra gli ospiti della giornata all’Isola Tiberina, circostanza annunciata da tempo e che certo non può essere sfuggita a Tajani. «Gira per l’Italia Bannon, principe dei sovranisti. Mi domando: come si fa a essere sovranisti italiani se poi arriva un americano a dirci che dobbiamo essere sovranisti americani… Bannon può stare tranquillamente a casa sua, non abbiamo bisogno di interferenze americane», ha detto Tajani.

Certo, in mattinata Tajani era stato un po’ “strapazzato” da Matteo Salvini, ospite anche lui della kermesse di FdI. «Oggi ad Atreju viene Tajani? Salutatemelo…», aveva tagliato corto Salvini, rispondendo a Enrico Mentana che lo intervistava. «Con Tajani siamo amici fraterni, già ho tanti nemici a sinistra, senza cercarne altri altrove…», aveva aggiunto, dopo aver spiegato che «per me il governo poteva essere allargato a Fratelli d’Italia, ma no a Forza Italia… Perché no a FI? Perché con Giorgia Meloni condividiamo certi valori e, per esempio io mi ricordo la battaglia di Roma che abbiamo combattuto soltanto in due contro tutto e tutti, mentre qualcuno sparava da fuori…». Il presidente del Parlamento europeo, però, ha avuto modo di rispondere direttamente al ministro degli Interni. Ma perché, dunque, cercare lo scontro anche con FdI? «Salvini cerca di avere la botte piena e la moglie ubriaca», ha detto Tajani, con riferimento all’alleanza di governo con il M5S. «Siamo convinti che questo governo sia figlio di un matrimonio di interessi, ma che non ci porterà da nessuna parte», ha proseguito, parlando delle parole di Rocco Casalino nei confronti dei funzionari del Mef come di «purghe». «Le purghe – ha poi commentato – mi fanno pensare a Stalin, mi ricordano il comunismo. Mi preoccupo se la Lega non riesce a fermare questa avanzata degli eredi di Renzi. Lui aveva gli ottanta euro, loro il reddito di cittadinanza». «Siamo noi che non vogliamo avere nulla a che fare con questi signori. Non ci pieghiamo, non ci interessa stare al governo con Casalino, Toninelli, Di Maio… siamo fieri di stare all’opposizione».

«Non dobbiamo avere complessi inferiorità nei confronti di chicchessia. Ci hanno sempre dati per morti ma siamo ancora qua. E non abbiamo alcuna intenzione di andarcene e di ritirarci, anzi vogliamo recuperare il terreno perso», detto Antonio Tajani, chiudendo il suo intervento sulle note della canzone di Vasco Rossi Eh già, con il ritornello «siamo ancora qua» a fare da eco alle sue parole.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • andrea.somenzi@yahoo.com 24 settembre 2018

    A TAJÀ E CHE PALLE !!!
    Tajani non si intrometta !!! Se ne stia a Bruxelles vicino al compagno di merende Superciuck e alla culona inviolabile Angela !!!!

  • claudio.blasizza@libero.it 24 settembre 2018

    le punte di diamante di F.I. parisi ,tajani

  • paolaiesus@tin.it 24 settembre 2018

    Tajani è livido di invidia, e quando parla fa pena, per non dire che disgusta!

  • gdetoffoli@yahoo.it 23 settembre 2018

    Che il partito di Davos sia ben rappresentato nei suoi interessi al massimo livello in Italia è cosa nota. Ora anche Tajani si oppone al cambiamento di rotta sulla gestione delle finanze del popolo Italiano !
    E’ noto che i cani da pagliaio abbaino su comando del padrone. E francamente dopo avere succhiato
    di tutto e di più’ sarebbe ora che andassero in pensione, pensionati definitivamente dal popolo Italiano!
    Da questa ‘gente’ ne vedremo di tutte le tinte da qui alle europee! Poi, che un reduce da lunga vacanza euro-pea in cui ha ampiamente collaborato con azioni o silenzi all’azione europea contro il nostro paese venga a noi con il ditino puntato facendo lui… l’ostracista di Bannon non rendendosi conto chi è farebbe
    ridere se disgraziatamente non facesse piangere !

  • depalma.aurora@libero.it 23 settembre 2018

    Tani deve prima imparare ad esprimere concetti. Poi li deve perfezionare in verità e poi può esprimersi. Sembra un ragazzo alle “squole medie”

  • c.arcabasso12o6@liber.it 23 settembre 2018

    L’interesse di Bannon è di spaccare l’Europa a favore degli USA. Dobbiamo batterci affinchè entri anche la Russia, perchè un’Europa senza Russia e un non senso; eppoi la guerra l’ha vinta il maresciallo G,C. Zukov a Mosca, Stalingrado e Berlino mica Eisenauer e Montgomery. Lasciamo a Putin la sovranità e il rublo solo sulla parte asiatica, oltre gli Urali.

  • liberato bonghi 23 settembre 2018

    Ma i governi italiani, compresi quelli targati Berlusca, non sono stati tutti filoamericani? Ipocrita, a chi la vuoi raccontare!

  • raffaelebos@hotmail.it 23 settembre 2018

    Hai fatto il tuo tempo, ritirati…

  • flo.faso@libero.it 23 settembre 2018

    tajani basta con dire c****** spero che l’influenza duri a lungo almeno starai zitto per un pò (si spera)

  • Strazio@gmail.com 23 settembre 2018

    Dicci: Soros è americano?
    Taci anche oggi, come allora!

  • Strazio@gmail.com 23 settembre 2018

    Ma Perché vuoi affossare forza Italia?
    Statte zitto! Taci!

  • franzhoch54@gmail.com 23 settembre 2018

    Tajani italiano solo per l’anagrafe.Per il resto al servizio di tutte le bandiere, tranne l’italiana, purché paghino.

  • franzhoch54@gmail.com 23 settembre 2018

    Tajani italiano solo per anagrafe,per il resto al servizio di tutte le bandiere ,basta che paghino

  • alberto.caioli@email.it 23 settembre 2018

    Taiani stattene in europa e non disturbarci in Italia: abbiamo già Toti che è molto meglio di te e non è fuggito per rubacchiare benefici pensionistici della “mangiatoia” dei somari! Guarda bene come ci state riducendo!

  • Roccoangela60@yahoo.it 23 settembre 2018

    Tajani la smetta di dire stupidaggini!

  • ardoino82@libero.it 23 settembre 2018

    Forse non abbiamo bisogno di ingerenze USA, ma ne abbiamo bisogno, ancor meno, da parte dell Europa di cui Tajani è uno sbiadito e lamentoso portavoce.

  • Giuseppe Forconi 23 settembre 2018

    Io, meglio noi, ci sentiamo stufi e stanchi di questa “UE”. Parliamoci chiaro, da quando ci siamo dentro non riceviamo altro che calci da questi papponi ( quaquaraqua’, per i siciliani) e personaggi italiani che li a Bruxelles gozzovigliano come Tajani stanno prendendo la stessa piega di Macron della Merkel e del birraio sempre ubriaco di Junker. Allora cosa dobbiamo fare ? Siamo fra due fuochi a tiro incrociato, da una parte una UE che ci spara, a casa nostra un nugolo di comunisti che ci mettono i bastoni fra le ruote sponsorizzati da esemplari come renzi, gentiloni, boldrini, ong, soros e tanti altri, quindi ? Ecco perche’ auguro alla Meloni e Salvini di tenere duro e di guardare avanti.

  • cardi.f@web.de 23 settembre 2018

    Bbona questa!^Il massone-capo del partito americano (vale a dire di Wall Street) al parlatoio europeo si lamenta delle intrusionii americane! È come se la battona dicesse al cliente di non farle visita…

  • Giuseppe Forconi 23 settembre 2018

    Invece di dire a Bannon di starsene a casa sua, faccia lui quello che Bannon ta facendo dando una mano alla destra, ma forse Tajani ( che anni fa stimavo ) ora non credo risponda piu’ alle esigenze degli italiani, cioe’ quelli di destra, ma uno dei tanti che spalleggiando Berlusconi crede che un domani potra’ governarci. Se lo tolga dalla testa. Se si e’ convinti di una politica, non si cambia bandiera lungo la strada facendo il lecca c… del Berlusca. Ad ogni modo comincio ad avere i miei dubbi sulla politica di F.I. Spero che la Meloni e Salvini stiano sempre sul chi va la’ da questo strano centro destra.

  • avv.ballicu@katamail.com 22 settembre 2018

    lui e forza italia non hanno nulla di destra e soprattutto non sono sovranisti ma globalisti, sono nel ppe come la merkel, sono liberisti quindi contigui alla plutocrazia e al servizio delle multinazionali non del popolo italiano. spero che la lega e i fratelli d’italia abbandonino forza italia che , fra breve , giustamente, sarà cancellata dagli elettori come pure il pd