“Sciogliamo il Pd”. Anche i renziani si sono arresi, manca solo Renzi…

Matteo Renzi è riuscito a distruggere il Pd, ora lo ammettono anche i suoi fedelissimi: c’è poco da salvare di questo partito che ha perso tutto quello che negli ultimi anni poteva perdere. Peccato che l’unico a non essersene accorto è Renzi, che va in giro a parlare di riscossa imminente. Meno ottimista il suo braccio destro, Matteo Orfini: “Stracciamo lo statuto del Pd, sciogliamolo e rifondiamolo. Non serve cambiare nome”, ha detto oggi il presidente del Pd, in diretta streaming alla sesta festa di Left Wing in corso alla ‘Città dell’altra economia’ di Roma. “Mettiamo insieme un pezzo di Paese che non condivide le politiche di questo governo: dobbiamo costruire una risposta dopo la sconfitta che sia all’altezza della sfida. Il partito com’è oggi non funziona. Mi rivolgo a tutti, basta questa distinzione con la società civile, decidiamo insieme la linea politica e la leadership”, conclude Orfini.

Gli fa eco Nicola Zingaretti, meno drastico, però, visto che il Pd punta a prenderselo. Per il governatore del Lazio “bisogna fare opposizione e creare un’alternativa che non c’è. Nel Pd c’è stato troppo correntismo. Bisogna cambiare e costruire un clima nuovo per salvare l’Italia”, ha detto alla festa nazionale dell’Udc a Fiuggi.