Salvini all’attacco: contro il dl sicurezza solo sinistra militante e partigiani

martedì 25 settembre 13:50 - DI Ginevra Sorrentino

«Altro che Italia più sicura! Il decreto anti-migranti approvato dal Consiglio dei ministri aumenterà il numero di clandestini perché limita enormemente il diritto di asilo; fa apparire il migrante come tale “diverso” e pericoloso riducendo così la gigantesca questione sociale dell’immigrazione ad un problema di ordine pubblico». Insomma, scomoda tutti i cliché della vecchia sinistra militante, Carla Nespolo, presidente dell’Anpi, che in una nota diramata contro il decreto sicurezza di Salvini, più che dare voce a concrete preoccupazioni, dà sfogo al vittimismo tipico di un certo politically correct di stampo rigorosamente dem, a quei logori, ma sempreverdi, cavalli di battaglia di giornalisti e sindacalisti di sinistra, portabandiera di un mondo in dissolvenza che il verdetto elettorale ha indotto all’auto-analisi, senza riuscire però ad ottenere la pratica dell’esercizio dell’autocritica.

Decreto sicurezza, la nota dell’Anpi:«Introduce l’apartheid giuridico»

Così, a testa bassa e pronta a sfondare il muro delle argomentazioni giuridiche, politiche e sociali mosse dai sostenitori del dl appena presentato, per la presidente dell’Anpi resta il fatto che il decreto «introduce una sorta di apartheid giuridico per i richiedenti asilo i quali, se condannati in primo grado, si vedranno negare tale richiesta, mentre le leggi e la Costituzione sanciscono il principio di non colpevolezza finché la sentenza non è definitiva». Un’annotazione seguita da un classico e ineludibile richiamo all’ordine deontologico sul «tema più importante da affrontare oggi: l’integrazione dei migranti nella vita quotidiana della società italiana», e seguito dal più canonico e imprescindibile degli allarmi sociali: quello avvalorato dal timore che provvedimenti come questi accrescano «paure e xenofobie» e incentivino «comportamenti razzistici e discriminatori» contro gli stranieri.

Salvini all’attacco: solo la sinistra contro il decreto sicurezza

Per rispondere a tutto ciò sarebbe bastato il semplice tweet postato sul web da Matteo Salvini, che sul suo account, all’indomani del via libera del Consiglio dei ministri al dl sicurezza, si è limitato semplicemente a ribadire che «con il decreto, stop a furbetti e finti profughi, più sicurezza e più giustizia. Mi sembra solo buonsenso». Ma pare non sia bastato e così, sottolineando l’inconsistenza e parzialità delle critiche mosse al dl di cui è primo firmatario, solo poco fa Salvini ha rimarcato: «Sindaci, assessori, ex ministri e parlamentari di sinistra, sindacalisti e giornalisti di sinistra, partigiani e associazioni di sinistra, le uniche voci contro il Decreto Sicurezza e Immigrazione sono le loro. Forse preferivano continuare a spendere 5 miliardi all’anno per mantenere un esercito di finti profughi, ma la musica è cambiata», aggiungendo poi a stretto giro: «Accoglienza piena per i profughi veri, nessuna tolleranza con furbetti e delinquenti che prima chiedono asilo, poi spacciano e rubano. Io tiro dritto e sto lavorando anche adesso per aumentare rimpatri ed espulsioni». E la tempesta scatenata dall’Anpi finisce in un bicchier d’acqua…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ribellumm@hotmail.it 26 settembre 2018

    ANPI… associazione nazionale papponi insaziabili ! I veri partigiani erano pochissimi, ( ed hanno fatto danni irreparabili, mandando a morte migliaia di civili e depredandone altrettanti ! ) ma dopo l’otto settembre si moltiplicarono a dismisura, riempiendo le loro fila di volgari voltagabbana e opportunisti !
    Se gli americani li mandavano avanti è solo perché non si fidavano e preferivano salvaguardare i propri soldati facendosi aprire la strada da quel branco di agitati…

  • avvpaolopieraccini35@gmail.com 26 settembre 2018

    Sapete quanto ci costa l’ANPI?

  • sergheisantini@alice.it 26 settembre 2018

    Dante e Virgilio, procedendo nell’inferno, incontrano una zona di COCITO ( un grande lago ghiacciato), che si chiama ANTENORA…….
    L’ANTENORA é la zona dell’inferno dantesco in cui sono puniti i traditori della Patria;
    i traditori della Patria sono immersi nel ghiaccio fino alla vita,mentre la parte superiore del loro corpo è esposta ai venti infernali….!

  • comitsalute@libero.it 26 settembre 2018

    La sinistra deve vergognarsi delle menzogne e sparire.

  • flo.faso@libero.it 26 settembre 2018

    ma esistono ancora i partigiani?

  • lamberto.lari@hotmail.it 26 settembre 2018

    Caro presidente dell’ANPI non fare il partigiano quando ti conviene. Per una condanna in primo grado questa è già esecutiva, e per questo mi danno lo sfratto esecutivo……in questi casi non vale il principio di attendere il terzo grado di giudizio? In questo caso la tanto sbandierata costituzione (vecchia , obsoleta e inadeguata alla realtà dei tempi moderni) te la dimentichi e te la schiaffi in c…o? Tieni chiusa quella fogna che hai al posto della bocca, sei solo un ca…..one spregevole. Le erbe malvage, è proprio vero, non muoiono mai!

    • comitsalute@libero.it 26 settembre 2018

      Hai perfettamente ragione. Ma il Presidente ANPI quando va ospite a casa di amici, bussa per entrare o scardina la porta?

  • Giuseppe Forconi 26 settembre 2018

    Salvini, non curarti delle bestialita’ di questi inetti, guarda avanti per la tua strada e ripulisci l’Italia, anzi ….bloccare qualsiasi sostegno o sussidio monetario a queste associazioni. Grazie

  • Silviatoresi@gmail.com 26 settembre 2018

    Cara Angela la sinistra si rende conto ma ha i suoi interessi da difendere.

  • laurabovati@yahoo.it 26 settembre 2018

    Ma l’ANPI non è l’associazione partigiani italiani? Ma ce ne sono ancora vivi? Al massimo 1 o 2! Allora chi sono queste persone iscritte all’ANPI? Il solito ente inutile pieno di furbetti che vivono alle spalle degli italiani?

  • serralisetta21@gmail.com 26 settembre 2018

    Sicuramente le cooperative rosse hanno paura di subire un calo negli incassi. Queste persone non amano il nostro paese. Hanno aiutato a distruggere la nostra sicurezza, i nostri valori e il nostro credo. Sono una vergogna per l’Itslia.

  • maugiannotti@gmail.com 26 settembre 2018

    A lasciar fare alla Sinistra in Italia saremmo ancora fermi ai tempi della Rivoluzione d’Ottobre.Stanno ancora cercando in casa loro il nuovo Lenin!!!

  • 26 settembre 2018

    Mi auguro che il buon senso prevalga, diversamente, rimarrà la paura di uno scontro!

  • Info@progetica1901srl.it 26 settembre 2018

    Il comunismo è una malattia disgustosa, produce il comunista che per quanto si possa mascherare da persona civile, rimane privo di umanità e sentimenti sociali. Incapace di comprendere che la patria è la casa di un popolo, e va tutelata, protetta e difesa. Per il comunista niente di ciò ha valore, tutto può andare in malora per perseguire il suo scopo: la distruzione, l’annichilimento della persona. Il comunismo è il male assoluto.

  • Giuseppe Tolu 25 settembre 2018

    E chi altri altrimenti? ENPI? Sciogliere subito, non esistono più, mangiapane a tradimento!!

  • ftrohxxajdk@tenypk.com 25 settembre 2018

    partigiani = assassini che colpivano alla schiena. Feccia comunista senza onore né dignità.

    • 26 settembre 2018

      Complimenti.

  • info@emozioniumane.it 25 settembre 2018

    La seconda guerra mondiale e’ finita 73 anni fa.
    Il piu’ giovane partigiano , diciamo che all’epoca avesse 18 anni, oggi sarebbe 91 enne (il piu’ giovane).
    Chi ne aveva 30, oggi avrebbe 108 anni.
    L’ENPI ha circa 100.000 iscritti.
    Ma quanti centenari ci sono in Italia?

  • roccoangela60@yahoo.it 25 settembre 2018

    Ma la sinistra si rende conto che se continuiamo ad essere invasi da musulmani,l’Italia è l’Europa rischiano di islamizzarsi?per favore apriamo gli occhi prima che sia troppo tardi,cerchiamo di impedire a Soros e alle Ong di riempirci di africani con idee religiose contrarie al nostro vivere civile…non voglio che noi europei soccombiamo a idee oscurantiste …

  • giovanna.calu@gmail.com 25 settembre 2018

    Il peggio del peggio della sinistra si chiama anpi.

  • ftrohxxajdk@tenypk.com 25 settembre 2018

    i traditori escono allo scoperto… ricordo che in caso di guerra, i traditori vengono fucilati alla schiena. E alla guerra contro l’islam invasore manca poco…

  • scaldom@hotmail.com 25 settembre 2018

    questi sinistri solo chiacchiere e dietro business con le coop e i trafficanti di esseri umani