Inno di Mameli, Fico rimane con le mani in tasca. Meloni: «Indegno» (video)

mercoledì 23 maggio 15:22 - DI Redazione

Sconcertante comportamento del presidente della Camera Roberto Fico nel corso delle sua odierna visita a Palermo in occasione della cerimonia commemorativa di Giovanni Falcone nel 26/mo anniversario della strage di Capaci. Durante l’esecuzione dell’inno nazionale la terza carica dello Stato è rimasto con le mani in tasca, una vero e proprio atto di maleducazione “istituzionale” che ha creato sconcerto nei presenti e nell’opinione pubblica. «Un presidente della Camera con le mani in tasca durante l’Inno d’Italia è semplicemente indegno». Lo scrive su Facebook la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Dura critica a Fico anche da parte dal vicepresidente del Senato Ignazio La Russa. «Passino pure le foto di lui che prende l’autobus con tutta la scorta e il fotografo al seguito e che tanto hanno fatto sorridere gli italiani ma non posso non trovare offensivo e poco rispettoso delle istituzioni che anche lo stesso Fico rappresenta, vedere le immagini del presidente della Camera che a Palermo, nel giorno del ventiseiesimo anniversario della strage di Capaci, tiene le mani in tasca durante l’Inno di Mameli».   «Se nelle sue corde -aggiunge La Russa – non c’è l’amore per la Patria e il rispetto per le persone chein nome della Nazione sono morte, Fico come minimo si astenga quantomeno dal partecipare a manifestazioni come quella per Falcone, anche se certo, sarebbe meglio prendesse l’autobus e lasciasse la presidenza della Camera con le mani dove preferisce lui».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • eliofil@tin.it 27 maggio 2018

    Questa sarebbe la terza carica dello Stato? Se avesse un minimo di rispetto (cosa della quale evidentemente dubito) ed un minimo di dignità per la carica che gli hanno regalato dovrebbe ritirarsi dalla vita politica di uno stato composto principalmente da cittadini che sono orgogliosi di appartenervi.

  • Klima5@yahoo.com 25 maggio 2018

    Indegno e’ chi ha rovinato l’italia In questi anni passati chi ha messo le mani sul cuore e tirato fuori l’uccello col bunga bunga…derisi a livello internazionale…quello non e’ insulto Alla patria e al popolo italiano?Chi ha regalato soldi alle banche e finanziato la mafia… e voi parlate di cafoneria per una mano in tasca? Forse non rappresenta il sentimento che è stato vituperato fin ora per quello non la mette sul cuore.

  • serdanip@outlook.com 25 maggio 2018

    Maleducato e, visto che é anche la terza carica dello stato, anche INDEGNO.
    Che Dio ce ne scampi da questi comunisti riciclati.

  • pasqav@alice.it 24 maggio 2018

    le possibilita sono due ; o lo ha fatto apposta come credo per esaltare la diversità e allora deve solo vergognarsi e dimettersi oppure lo ha fatto senza accorgersene non sapendo cosa sia la patria e cosa rappresenti l inno ed è quindi anche peggio ; in antrambi i casi però la colpa è di chi lo ha eletto e mandato sul seggiolone , forse stava meglio alla guida di autobus cosi si muoveva dove gli pareva

  • sergiosammarco46@gmail.com 24 maggio 2018

    Ma un elemento del genere perché’ non viene cacciato a calci in c***?

  • Gianluca Sala 24 maggio 2018

    VILIPENDIO ALLA NAZIONE! Questo è! Questo è ciò che rimane dell’Italia e dei nostri valori. Un pagliaccio tronfio che pensa di far il figo. Le mani in tasca hanno un preciso significato e quindi, sempre che esista ancora, la legge dovrebbe intervenire! Bell’esempio da dare ai nostri figli. Complimenti

  • fdesalvo@aconet.it 24 maggio 2018

    Proverbi: la botte dà il vino che ha non si può cavar sangue da una rapa

  • FRANCO_CARBONI@LIBERO.IT 24 maggio 2018

    Il grande Lombroso direbbe “basta guardarlo in faccia”. Ogni altro commento risulterebbe inutile.

  • giulioarditi@libero.it 24 maggio 2018

    il gesto di Fico è esecrabile, ma che dire di Mattarella, che ha conferito il mandato a Conte proprio nel momento in cui a Palermo ricorreva il minuto di silenzio per ricordare la strage di Capaci, l’assassinio del giudice antimafia, ore 17.58

  • simef@tiscali.it 24 maggio 2018

    Il senso della Patria ,dell’onore, della Famiglia viene inculcato dai genitori con il loro esempio e si perfeziona con gli Studi. Non tutti purtroppo hanno la fortuna di essere vissuti in ambienti consoni.
    Pertanto nel caso Fico lo stesso va commiserato!

  • giulioarditi@libero.it 24 maggio 2018

    quelli che danno del mafioso agli altri…

  • Giuseppe Tolu 23 maggio 2018

    Maleducato e senza cervello! Vergogna!!!

  • 23 maggio 2018

    Un insulto alla patria e al popolo Italiano!!! CAFONE!!!