Inno di Mameli, Fico rimane con le mani in tasca. Meloni: «Indegno» (video)

Sconcertante comportamento del presidente della Camera Roberto Fico nel corso delle sua odierna visita a Palermo in occasione della cerimonia commemorativa di Giovanni Falcone nel 26/mo anniversario della strage di Capaci. Durante l’esecuzione dell’inno nazionale la terza carica dello Stato è rimasto con le mani in tasca, una vero e proprio atto di maleducazione “istituzionale” che ha creato sconcerto nei presenti e nell’opinione pubblica. «Un presidente della Camera con le mani in tasca durante l’Inno d’Italia è semplicemente indegno». Lo scrive su Facebook la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Dura critica a Fico anche da parte dal vicepresidente del Senato Ignazio La Russa. «Passino pure le foto di lui che prende l’autobus con tutta la scorta e il fotografo al seguito e che tanto hanno fatto sorridere gli italiani ma non posso non trovare offensivo e poco rispettoso delle istituzioni che anche lo stesso Fico rappresenta, vedere le immagini del presidente della Camera che a Palermo, nel giorno del ventiseiesimo anniversario della strage di Capaci, tiene le mani in tasca durante l’Inno di Mameli».   «Se nelle sue corde -aggiunge La Russa – non c’è l’amore per la Patria e il rispetto per le persone chein nome della Nazione sono morte, Fico come minimo si astenga quantomeno dal partecipare a manifestazioni come quella per Falcone, anche se certo, sarebbe meglio prendesse l’autobus e lasciasse la presidenza della Camera con le mani dove preferisce lui».