Borse giù, spread su? L’ira di Salvini: “A noi preoccupa il crollo della nascite”

Nel giorno in cui i giornali rilanciano le notizie dello spread che vola a 150 e la Borsa che cade a meno 2,5 per “colpa”, dicono, della paura dei mercati di un governo Lega-M5S, Matteo Salvini fa notare che forse la notizia del giorno, per l’economia e la società italiana, è un’altra: “Solo 464.000 bambini nati in Italia nel 2017, il dato peggiore della nostra storia. I giovani scappano, lavorano sempre meno e sempre più tardi, perdono il sorriso e la speranza di mettere al mondo dei figli”, scrive il leader della Lega su Facebook. “Altro che spread o numeri imposti dall’Europa, dovrà essere questo il primo risultato positivo del prossimo governo: tornare a riempire le culle, ridare vita e speranza agli italiani!”, conclude Salvini, che in mattinata aveva postato un video in cui si ribellava alle accuse dei giornali stranieri su presunti barbari in arrivo e pericoli per l’economia europea.

“Provano a fermarci coi soliti ricatti dello Spread che sale, delle Borse che scendono e delle minacce europee.
Stavolta si cambia, più lavoro e meno clandestini, più sicurezza e meno tasse”.

video