Il farmaco gender che blocca lo sviluppo sessuale. Chi deve pagarlo?

giovedì 5 aprile 12:55 - DI Redazione

Se ne discute da anni: la questione è se sia giusto o meno fare ricorso al farmaco che inibisce lo sviluppo sessuale al fine di aiutare la transizione di genere degli adolescenti “incerti”. Ma soprattutto, è questo è invece dibattito di questi giorni legato alle decisioni dell’Aifa, è giusto che il farmaco sia a carico del servizio sanitario nazionale?

Del tema si occupa Avvenire, spiegando che la triptorelina, cioè il farmaco di cui si parla,  è una molecola sintetica che, se somministrata in modo prolungato, inibisce l’ormone che regola le funzioni testicolare e ovarica. Interpellato dal quotidiano Maurizio Bini, ginecologo e andrologo che da anni dirige l’ambulatorio per la “transizione di genere” dell’Ospedale Niguarda di Milano – oltre al Centro per la fertilità – osserva: «Lavoro in questo settore da trent’anni e ho trattato migliaia di casi. Ebbene, in una sola occasione ho ritenuto in coscienza di fare ricorso a questo farmaco. Quindi…». In pratica assumersi la responsabilità di bloccare lo sviluppo sessuale di un adolescente è una scelta grave e importante che non va assunta a cuor leggero. Conferma Maurizio Bini: “Nessuno può prendersi da solo la responsabilità di bloccare lo sviluppo sessuale di un adolescente se non per motivi davvero gravi e importanti”. In controtendenza rispetto al parere degli esperti, l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) sta invece per dare il via libera all’utilizzo ordinario della triptorelina per i disturbi della cosiddetta disforia di genere. Quando il provvedimento sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale, l’utilizzo del farmaco sarà a carico del Servizio sanitario nazionale. “Vuol dire che un trattamento di sei mesi – il minimo per ottenere gli effetti desiderati – costerà 1.152 euro. Ma, visto che nei casi più complicati e controversi, si arriva a bloccare lo sviluppo della pubertà anche per due, tre o più anni, i conti sono presto fatti”, sintetizza Avvenire.

Il rischio è che si banalizzi il percorso della transizione di genere, come se si trattasse di scegliere dal menu di una pizzeria e come se la vicenda non coinvolgesse in profondità la persona interessata. Che questa sia la tendenza è dimostrato dal fatto che questo tipo di scelta non è più un fatto rarissimo ma vi ricorrono sempre più soggetti. “Quanto pesino in questa corsa alla fluidità sessuale le suggestioni legate alle teorie del gender – è il commento di Avvenire – è difficile da accertare, ma molto probabile. Come è facile immaginare che siano sempre più numerose le persone affette da sofferenze psichiche di vario genere che si illudono di risolverle con la “transizione sessuale” “.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *