Di Maio apre: «Disponibili a contratto di governo. Ma dobbiamo firmarlo io e Salvini»

giovedì 19 aprile 19:40 - DI Mariano Folgori

«Resta aperta l’ipotesi del contratto governo sul modello tedesco. Siamo disponibili anche a non considerare ostile il fatto che questo contratto sia appoggiato da FI e FdI. Ma a firmarlo dobbiamo dobbiamo essere io e Salvini. Oltre un certo limite non possiamo andare. Non è pensabile per il M5S che  quattro forze politiche possono contrattare la scelta dei ministri». Non è l’apertura che molti speravano, ma è un fatto che Di Maio non chiude la porta all’ipotesi di un governo con il centrodestra.

Di Maio ha ricordato di aver sbloccato le Camere in tempi celeri grazie a Salvini. «Abbiamo avuto una sintonia  su diversi temi. Quindi è chiaro che ci sia una disponibilità a discutere di programmi. Però è vero che oltre determinati limiti non possiamo andare. Era chiaro che l’interlocuzione dovesse avvenire tra noi due», cioè lui e Salvini.

Significativo è anche il fatto che Di Maio non abbia fatto riferimento alla pregiudiziale di un governo a premier M5S. Quindi il premier potrebbe anche non essere lui. Che qualcosa potesse bollire in pentola lo si è capito dal ritardo con cui Di Maio e i capigruppo pentastellati sono andati all’incontro con la presidente del Senato, ritardo che ha fatto intendere la delicatezza del momento per i grillini prefigurando la possibilità che la delegazione stesse limando la dichiarazione finale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giorgio.martinengo@gmail.com 22 aprile 2018

    Di Maio vai avanti ma il governo deve essere a maggioranza 5 stelle con te a copo del governo altrimenti non si potranno fare le leggi per salvare questo paese. Se non puo essere cosi allora e meglio andare a nuove elezioni con premio di maggioranza al partito che prende piu voti.

  • Valterth55@gmail.com 20 aprile 2018

    Spero vivamente che questo accordo non si faccia. L’unica soluzione possibile e praticabile è il ritorno al voto con una nuova legge elettorale

    • depalma.aurora@libero.it 21 aprile 2018

      sono pienamente d accordo.

  • an_ponte@tiscali.it 20 aprile 2018

    CHE TEATRINO POLITICO TUTTI PENSANO A SE STESSI,DI MAIO VATTENE SEI SOLO PER LA POLTRONA,MA PRESTO VERRAI ESILIATO SEI UNO STRO,MA ANCHE DI PIÙ,HA RAGIONE BERLUSCONI ,STIA ATTENTO SALVINI ALLE PROSSIME MOSSE

  • roccoangela60@yahoo.it 20 aprile 2018

    Trovo significativo che a firmare il contratto siano i leader che hanno ottenuto più voti,Salvini lo farà per tutto il centrodestra e di Maio per i 5 stelle…purché inizino a governare!!!!

  • ptammur@yahoo.it 20 aprile 2018

    Trovano sempre una scusa per non governare

  • 20 aprile 2018

    alle elezioni si è presentato il centro destra in una sola e unica coalizione,ricevendo dagli elettori italiani la maggioranza e questa deve essere la base da cui partire per la formazione del governo.
    Salvini,anche se ha preso la maggioranza dei voti nella coalizione,deve portare avanti solo ed esclusivamente la volontà dei cittadini,senza arrendersi ai dicktat di un imberbe e presuntuoso personaggio.Costui se incomincia dal mattino a porre veti e a dettare imposizioni e regole,cosa farà in seguito?Egli ha dato ampia prova di inaffidabilità e di ignoranza dei canoni e principi di democrazia e di governabilità.

  • sergio la terza 20 aprile 2018

    Io,io,io il megalomane ritorni in terra di lavoro ed impari la creZa.

  • giorgiorapanelli@virgilio.it 20 aprile 2018

    Ognuno si droga come meglio crede… Diamogli ancora un po’ di spago e di cocaina. Poi caliamo l’asso di bastoni dell’intero centrodestra e chi la fa l’aspetti (anche nel centrodestra). Qui c’è in ballo l’Italia, sempre nostra patria materna, e il suo popolo italiano.