Sfregio alla memoria, imbrattata la lapide di via Fani: la sigla Br sui nomi delle vittime

giovedì 22 marzo 10:49 - DI Prisca Righetti

Ancora uno sfregio alla memoria che rinnova il dolore, scatena altra rabbia, suscita nuove ondate di indignazione e sconcerto. Ancora un affronto alla memoria e al simbolo che prova a rievocare vittime e carnefici di una pagina di storia che ha ancora tante note a margine da segnare che ancora suscita dolore e sgomento. Che ancora porta a porre tanti interrogativi. Un vilipendio naturalmente condannato subito come grave e inaccettabile dall’opinione pubblica e dai rappresentanti istituzionali.

Imbrattata la lapide di via Fani: ancora

E in questo magma di se e di ricordi, di congetture e di verità sfiorate, colpisce l’ennesimo affronto impresso a caratteri rossi con cui, ancora una volta – la seconda in poco più di un mese – è stato imbrattato il monumento che ricorda la strage di via Fani, dove quarant’anni fa, sterminata con chirurgica precisione la scorta, il presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro fu rapito dalle Brigate Rosse. Sulla stele che ricorda il sacrificio dei cinque uomini addetti alla sicurezza del politico crivellati dai colpi dei terroristi, i nomi delle vittime sono stati coperti dalla sigla BR stilata in rosso: una sigla drammaticamente nota che in questi giorni di commemorazione e omaggio, torna prepotentemente sotto riflettori: e non solo per quel monumento imbrattato appena inaugurato (il 16 marzo scorso, nell’anniversario della strage, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella): la scritta oltraggiosa, scoperta da una pattuglia della stazione dei carabinieri di Monte Mario durante un pattugliamento in zona – la seconda in un mese peraltro – è infatti solo un ulteriore affronto, grave, gravissimo, ma che arriva dopo l’affondo più duro, l’oltraggio più doloroso sferrato contro Moro, la sua scorta, e tutte le vittime del terrorismo: quello ostentato, ancora una volta, dalle parole di Barbara Balzerani,

Uno sfregio alla memoria che rinnova dolore e rabbia

L’ex Br che fu dirigente della colonna romana delle Brigate rosse, componente del commando che organizzò il rapimento del leader democristiano. Una terrorista condannata a sei ergastoli che, proprio nel giorno che ricorda il terribile agguato in via Fani, offensivamente scelto per la presentazione del suo libro al Cpa-Firenze sud – il 16 marzo scorso – è tornata a far parlare di sé – e delle colpe che l’hanno fatta condannare a sei ergastoli – rigirando il coltello in una piaga che continua a sanguinare da 40 anni con una frase: «C’è una figura, la vittima, che è diventata un mestiere, questa figura stramba, per cui la vittima ha il monopolio della parola». Un paradosso violento che ha rinverdito dolore e sconcerto e che ha scatenato nuova indignazione, altra rabbia, e non solo nel cuore della figlia dello statista democristiano assassinato, o in quello di tutti i familiari di altre vittime del terrorismo, ma nella coscienza di un Paese intero che con il passato di sangue scritto a caratteri di fuoco dal terrorismo ancora non ha finito di fare i conti. non a caso, allora, per quella inaccettabile, considerazione rimbalzata su web e media, la procura di Firenze, alla quale la Digos ha trasmesso un’informativa sulla serata al Cpa, ha aperto un fascicolo. L’ultimo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Francesco Ciccarelli 23 marzo 2018

    Tanti episodi recenti farebbero temere il ritorno del terrorismo…

  • giorgio.precetti@alice.it 22 marzo 2018

    Non BR ma BA ovvero brigate assassine