Salvini celebrato dal Washington Post: “Geniale, è lui l’erede di Berlusconi”

«Un geniale uomo comune potrebbe essere il primo leader di estrema destra in Europa Occidentale dal 1945». Il Washington Post delinea così la figura di Matteo Salvini, artefice dell’exploit della Lega nelle elezioni di domenica e ora -in teoria- in corsa per ricevere l’incarico dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. In un lungo articolo, firmato da Michael Birinbaum e Stefano Pitrelli, il Post -che identifica Salvini come «far-right leader»– riassume la metamorfosi del movimento «che una volta derideva i meridionali» e che ora «con il suo messaggio anti-migranti e nazionalista ha ottenuto un successo maggiore rispetto ai cugini di estrema destra negli altri paesi europei».

Salvini elogiato da Steve Bannon, ex guru di Trump

Merito soprattutto «del geniale 44enne uomo comune che predilige jeans sbiaditi, t-shirt e una retorica anti-Islam», capace di conquistare milioni di voti «abbandonando il vecchio regionalismo del partito» e «raccogliendo le paure» di chi teme «migranti e burocrati di Bruxelles». I risultati elettorali hanno sancito il sorpasso della Lega nei confronti di Forza Italia e, scrive il Washington Post, Salvini è diventato a tutti gli effetti «l’erede di Silvio Berlusconi, 81 anni, che non ha mai coltivato una nuova generazione di leader nel suo partito». Per il centrodestra, non è esclusa un’evoluzione simile a quella che ha avuto in America il partito repubblicano con l’ascesa di Donald Trump. Non è un caso, del resto, che Steve Bannon – l’ex stratega della Casa Bianca – sia sbarcato a Roma per le elezioni e abbia lodato Salvini.