M5S incontra le altre forze politiche e chiede la presidenza della Camera

giovedì 15 marzo 18:12 - di Redazione

Sono iniziati gli incontri tra i due capigruppo del M5S, Danilo Toninelli e Giulia Grillo, e gli esponenti delle altre forze politiche sulle presidenze della due Camere. «Abbiamo visto stamattina presto la Lega poi a seguire il presidente Grasso per Leu, quindi Forza Italia, abbiamo sentito la Meloni telefonicamente e poi abbiamo anche interloquito con il Pd», ha fatto sapere Giulia Grillo sottolineando come abbiano «registrato un’apertura» sul metodo «da parte del Pd e da parte della Lega». Ma fonti della segreteria Pd frenano definendo il faccia a faccia tra Maurizio Martina e Lorenzo Guerini con Grillo e Toninelli un «incontro interlocutorio». Da parte del Pd, si spiega, è stata «ribadita la disponibilità a un confronto tra tutte le forze su presidenze di garanzia» ed è stata «rilanciata la necessità che si ragioni su profili autorevoli».

M5S: «Nomine alle due Camere slegate dal governo»

«Abbiamo ribadito alle forze politiche» che la nomina dei presidenti di Camera e Senato «a differenza degli ultimi 20 anni» va slegata “dal governo”, pensando a nomi «che non fossero organici del nuovo governo ma, a garanzia dell’istituzione parlamentare, che fossero rappresentativi della volontà popolare», che «ha indicato con il 32% dei voti nel M5S la prima forza politica del Paese e col 36% dei seggi in Parlamento la prima forza politica della Camera dei deputati», ha detto ancora la capogruppo M5S parlando alle telecamere in sala stampa alla Camera. «Secondo noi è giusto» che la presidenza della Camera dei deputati «vada al Movimento 5 Stelle», ha ribadito.

 Toninelli: «Abbiamo parlato di metodo»

«Siamo in una fase di primi incontri. Abbiamo voluto in trasparenza incontrare tutte le forze politiche per capire se era possibile dialogare e trovare convergenze su cariche e incarichi così importanti come la presidenza della Camera e del Senato. Di conseguenza ci saranno altri incontri nei prossimi giorni», ha detto dal canto suo Toninelli aggiungendo che, con gli esponenti delle altre forze politiche, «abbiamo parlato del metodo, abbiamo presentato la nostra richiesta come prima forza politica vincitrice delle elezioni di avere un presidente della Camera. Nessuno ci ha detto di no ed è la prima fase di una serie di incontri». «Non abbiamo assolutamente parlato di nomi – ha rimarcato Toninelli – siamo nella fase iniziale di condivisione di un percorso che è stato iniziato dal M5S in trasparenza».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Viviane Paolini 16 marzo 2018

    Mettiamo Meloni come presidente alla camera. Niente 5 stelle che sono tutti per gli illegali e ius soli (troppo pd) e non sanno governare. Vedete la Raggi ed altri.

  • sergio la terza 16 marzo 2018

    Il 37 e rotti % sono della coalizione di centrodx,incominciamo a non farci abbabiare.-

  • Pino1° 16 marzo 2018

    oltre alla sostituzione ai piani bassi (al volatile) e le riparazioni al piano medio( la pompa di mandata), sostituitegli al piano alto (il cervello) perché ora non è buono nemmeno fritto! Il nonnino si comporta come se fosse il suo nipotino e per chi fa politica per il paese intero è un pericolo mortale! Vediamo di non offrire altre occasioni di essere presi per il …… dagli amici che abbiamo in europa.

  • Darkbaronx 15 marzo 2018

    AVANTI con M5S,VOCE AL 32% DEL POPOLO ITALIANO sopra di tutto! Presidenza Camera a M5S richiesta equilibratissima,essenziale sorga Governo DI DESTRA!Se FORZA ITALIA,perversamente,ostacolasse nascita governo con M5S tornando alle urne,sarebbe ABBATTUTA con ferocia dai cittadini !