Firenze, africano “profugo” spacciava marijuana al bambini: arrestato

Arrestato per spaccio di stupefacenti a ragazzi minorenni un profugo richiedente asilo ospite di un centro di accoglienza del Mugello. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Borgo San Lorenzo (Firenze) e della stazione di Scarperia (Firenze) hanno arrestato un cittadino del Gambia, 26 anni, dal 2016 ospite di un centro di accoglienza straordinaria nel comune di Scarperia e San Piero, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Firenze, Sara Farini. I militari, nel corso delle attività di controllo per il contrasto alla diffusione delle droghe tra i giovani, hanno condotto un’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze che ha portato all’identificazione del 26enne gambiano quale spacciatore di sostanze stupefacenti, soprattutto marijuana, ai ragazzi minorenni del Mugello. Gli elementi raccolti hanno permesso di rilevare un’attività continuativa e mirata di spaccio di droghe leggere, dal dicembre scorso a febbraio, che avveniva nei comuni di Borgo San Lorenzo e Scarperia. I militari hanno documentato che almeno otto diversi clienti minorenni del luogo contattavano periodicamente il giovane straniero per rifornirsi della marijuana. Il business messo in piedi fruttava allo spacciatore dalle cinque alle dieci euro a dose, per una media di almeno dieci cessioni settimanali. L’accusa nei suoi confronti è spaccio di sostanze stupefacenti con l’aggravante di aver ceduto la droga a persone minorenni. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Sollicciano.