Un popolo di spreconi: buttiamo 37 kg di cibo a testa. E ci costa tantissimo

Ogni giorno, tra ciò che resta nel piatto, in frigo o in dispensa, finiscono in pattumiera 100 grammi di cibo a testa: una quota che moltiplicata per 365 giorni all’anno porta a 36,92 kg di alimenti, per un costo di 250 euro all’anno. Lo hanno rilevato i “Diari di Famiglia dello spreco”, eseguiti con un’annotazione quali-quantitativa da parte di 400 famiglie di tutta Italia: per una settimana, sotto la guida dell’Università di Bologna, queste famiglie hanno preso nota del cibo gettato, della tipologia e delle cause che hanno determinato lo spreco. È la prima volta che sullo spreco alimentare nelle nostre case arrivano dati reali, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche.

La classifica del cibo più sprecato

I monitoraggi, coordinati dalla ricercatrice Claudia Giordano, oltre che sulle famiglie, sono stati condotti anche su campioni significativi di scuole, iper e supermercati italiani. Dallo studio è emerso che la famiglia media butta circa 1,5 kg di cibo ogni settimana e soprattutto a cena, quando si spreca in media 1 volta e mezzo più che a pranzo. Guida la classifica dei cibi gettati la verdura, che ciascuno di noi sperpera ogni giorno, in media per quasi 20 grammi, pari al 25,6% dello spreco totale giornaliero (in un anno significa sprecare 7,1 kg di verdure). Subito dopo vengono latte e latticini con 13,16 grammi al giorno, pari al 17,6% dello spreco totale quotidiano, per 4,8 kg all’anno. A seguire la frutta (12,24 g) e i prodotti da forno (8,8 g). Le cause? Aver raggiunto o superato la data di scadenza o essere andato a male nel 46% dei casi, e aver gettato il cibo non gradito (26%).

Nella pattumiera finisce lo 0,6% del Pil

Si tratta di dati che possono essere accolti positivamente: le stime del 2015 parlavano di 63 Kg di cibo sprecato a testa. Dalla ricerca dei “Diari di famiglia” emerge che oggi la quota si è abbassata a circa 37 kg pro capite, che restano comunque una enormità: ogni famiglia getta 84,9 kg di cibo, che a livello nazionale significa sprecare circa 2,2 milioni di tonnellate di alimenti in un anno, per un costo di 8,5 miliardi euro circa lo 0,6% del Pil.