Piacenza, è un egiziano l’aggressore più accanito del carabiniere

C’è anche un giovane egiziano tra gli undici indagati per il ferimento del carabiniere durante gli scontri di sabato a Piacenza. Si tratta di Moustafa Elshennawi, 22 anni, residente a Belgioioso. Sarebbe stato proprio lui il più accanito. Proprio lui avrebbe infatti strappato lo scudo al brigadiere che era scivolato nel tentativo di sfuggire ai manifestanti decisamente superiori di numero. L’egiziano (l’aggressore vestito di grigio nella foto) è stato identificato -come riferisce La Provincia Pavese -sia grazie alle immagini della polizia scientifica che di quelle dei fotografi presenti in via Sant’Antonino al momento degli scontri e del brutale pestaggio del militare che ha riportato la frattura di una spalla.

I medici del pronto soccorso di Piacenza hanno giudicato il carabiniere guaribile in un mese, ma poteva finire decisamente peggio. Con l’egiziano sono stati segnalati alla magistratura altre dieci persone che, a vario titolo, hanno partecipato alla manifestazione organizzata nel centro di Piacenza. Ma sembra evidente che la posizione di Moustafa Elshennawi sembra essere più grave rispetto alla maggior parte degli indagati. In ogni caso l’inchiesta, coordinata dalla procura piacentina, è ancora in corso.