Parigi, la truffa più squallida: si finge vittima del Bataclan per ottenere il risarcimento

Si spacciava come vittima degli attentati al Bataclan di Parigi  e per questo era riuscita a ottenere un risarcimento di circa 25mila euro. La truffa ha avuto il suo epilogo oggi, quando la donna, una 48enne residente nella Val-de-Marne, è stata arrestata, ha reso noto la procura di Créteil. Sulla donna, che lavorava prima come volontaria e poi come dipendente, dal marzo 2017, per l’associazione delle vittime Life for Paris  pendevano già tre condanne per truffa. La 48enne, dopo l’arresto, ha ammesso i fatti e sarà giudicata domani per direttissima. L’associazione per la quale lavorava al momento non ha voluto commentare l’accaduto.

«In totale aveva ottenuto 25mila euro» dal Fondo di garanzia delle vittime del terrorismo e di altri reati, ha precisato il procuratore. «Ha fabbricato falsi documenti a partire da quelli grazie ai quali l’associazione ha potuto ottenere gli indennizzi alle vittime degli attentati», ha spiegato ancora il procuratore. Negli attentati del 13 novembre 2015, furono 130 le vittime e diverse centinaia i feriti. In totale, 11 persone sono state condannate per tentata truffa tra il 21 novembre 2016 e il primo dicembre 2017.