Sgarbi: «In campo con la “quarta gamba” per sostenere il centrodestra»

giovedì 4 gennaio 12:14 - DI Fortunata Cerri

Rinascimento“, il movimento fondato da Vittorio Sgarbi e Giulio Tremonti, si presenterà alle politiche con la cosiddetta quarta gamba del centrodestra, quella formata dall’ala cattolica che fa capo all’Udc di Lorenzo Cesa e dal fronte liberale “Noi con l’Italia” di Raffaele Fitto e Maurizio Lupi. Una formazione già sperimentata alle regionali in Sicilia che ha portato alla vittoria di Nello Musumeci. Ad annunciarlo è lo stesso critico d’arte in una nota, dove avverte però, che in caso di veti da parte della Lega salviniana, è pronto a correre anche da solo. «Niccolò Ghedini e Paolo Romani – scrive Sgarbi, assessore alla Cultura in Sicilia – hanno, con grande impegno di plasticatori, lavorato per configurare quella che, ormai da mesi, è chiamata la “quarta gamba” della vittoriosa alleanza di centrodestra, già sperimentata in Sicilia. Io, in accordo con Silvio Berlusconi, avevo ritenuto, con maggior rischio e miglior chiarezza, più efficace la sua proposta, condivisa anche da Salvini, di una componente democristiana coordinata da Lorenzo Cesa con suoi affini, e una legata ai valori della civiltà e della cultura, assenti da ogni programma, sotto la denominazione di “Rinascimento”». «Rispondendo alla iniziativa di Romani – continua – ho quindi proposto un simbolo, giudicato “ottimo” da Ghedini, che indicasse chiaramente e in armonia le tre componenti. Resta chiaro che se, per i veti di Salvini su componenti o candidati che hanno appoggiato Renzi, “l’alleanza con la quarta gamba” così laboriosamente formata, dovesse vacillare sono pronto a combattere con “Rinascimento” una battaglia gloriosa e solitaria».

Sgarbi: «Insieme come è accaduto in Sicilia»

Sgarbi si dice pronto quindi a correre sotto le insegne dello scudocrociato. «Nessun dubbio – sottolinea – come ho espresso nel mio discorso, parallelo a quello di Mattarella, che i valori della bellezza e della fede possono convivere e che la nostra cultura è fondata sul Cristianesimo. Quanto all’accostamento di “Rinascimento” con il simbolo democristiano, i tanti anni che ci separano dalla fine della prima Repubblica, non contaminano la scelta nuova e calorosa dei giovani che mi seguono nel numero di quasi due milioni di followers, pari a quelli di Grillo, mentre soltanto quelli che hanno più di cinquant’anni ricordano la Democrazia cristiana esprimendo un eventuale voto commemorativo». Sgarbi spiega le ragioni di questa scelta: «Noi del movimento “Rinascimento” siamo nella “quarta gamba”, un gruppo formato da tre componenti: l’Udc di Cesa, “Noi per l’Italia” e noi appunto. Siamo insieme come è accaduto in Sicilia per accrescere il risultato elettorale nel centrodestra».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • marcojacinto@mail.com 6 gennaio 2018

    Ma ci vogliono giorni per approvare il mio commento? E’ contemporaneo all’altro, subito approvato. Ho detto qualcosa di “scomodo”?

  • gianni.selvidi@virgilio.it 5 gennaio 2018

    CARO VITTORIO , IO NON MI FIDO DI LUPI E LA SUA BANDA , FINO A IERI SONO STATI ALL”OPPOSIZIONE , CON RENZI, ADESSO HANNO VISTO LE BRUTTE , PASSANO COL CENTRODESTRA , NE ANNO DETTE DI BRUTTE CONTRO DI NOI , CARO VITTORIO CHE DRITTI HANNO CAPITO CHE TIRA ARIA A DESTRA . ECCO PERCHE” LA GENTE NON VA A VOTARE?

  • fornaromario@libero.it 5 gennaio 2018

    Le poltrone sono una calamita inossidabile.

  • marcojacinto@mail.com 5 gennaio 2018

    Bella questa. Solo ieri Rinascimento così chiudeva una comunicazione del suo coordinatore sen. Paolo Naccarato: “…nell’impossibilita’ di far ragionare zucche vuote, parassiti di Berlusconi che lo hanno tradito quando lo pensavano debole e lo cercano quando lo credono forte,ho deciso che il pur apprezzabile “lodo Ghedini” che voleva tutti uniti, e’ impraticabile. Non solo, e’ giustamente inviso a Salvini e dannoso per Berlusconi. Ho dunque deciso di sciogliere immediatamente cio’ che appariva unito nel simbolo concordato con Ghedini, rispettando la tradizione democristiana ma non gli opportunisti che fingono d’interpretarla. Concludero’ le consultazioni per eventuali alleanze prima di decidere di andare da solo. Rinascimento riprende la propria azione culturale e politica e lascia al loro destino Cesa e l’Italia per loro”. Già cambuata idea? Mi interessa solo Rinascimento, non gli altri “parassiti” che lo contaminano. Se non corre da solo mi asterrò dal voto.

  • S.laterza1@Alicel.it 5 gennaio 2018

    Renzi si prepari ad incassare lo schiaffone che riceverà dagli italiani,ben poca cosa è stato quello ricevuto nel referendum.