Scrive fake news contro Salvini: condannato a risarcimento di 15mila euro

La Corte d’appello di Trento ha condannato un blogger calabrese per avere pubblicato una fake news su Matteo Salvini. Del procedimento è stato dichiarato competente il foro di Trento perché a presentare la querela per conto di Salvini e del partito è stata l’avvocatessa trentina Claudia Eccher. Oggetto della querela un post pubblicato il 25 aprile del 2015, dal titolo «Salvini: “Al sud non esistono partigiani perché non avevano le palle per combattere. Sono dei vigliacchi”. Parole Mai pronunciate dall’onorevole Salvini» ha spiegato l’avvocatessa.

Condannato per una fake news postata nel 2015

In primo grado il giovane ingegnere di Vibo Valenzia era stato assolto dal tribunale di Trento. In quella circostanza il giudice, accogliendo la tesi dell’avvocato difensore del blogger, Vittorio Lombardi, aveva valutato il post come l’espressione di una satira politica non perseguibile. La procura generale però aveva impugnato quella sentenza emessa il 25 novembre 2016 e adesso la Corte d’Appello ha riformato la decisione infliggendo a D.M. una condanna a pagare 5.000 euro di multa e un risarcimento di 15.000 euro a Salvini, oltre al pagamento delle spese processuali per entrambi i gradi di giudizio.