Parla il nipote di Claretta Petacci: «Denuncio Gene Gnocchi. Mia zia fu un’eroina»

venerdì 19 gennaio 12:32 - di Sara Gentile

L’insulto volgare di Gene Gnocchi a Claretta Petacci continua a provocare accese polemiche. «Cosa ho provato? Disgusto, amarezza. Non l’ho neppure visto il video, mi è bastato leggere cosa è stato detto. Spero che questa persona si scusi, ma dubito che capisca». L’avvocato Emilio Persichetti è un nipote di Claretta Petacci: suo nonno era il fratello di Giuseppina Persichetti, madre di Claretta. Gene Gnocchi da Floris su La7 l’ha paragonata a un «maiale femmina». Una frase volgare e indecorosa che è stata accolta nel silenzio della sinistra. «Come avvocato dico che è un’offesa gravissima perseguibile penalmente», dice al Giornale il nipote della Petacci, che non nasconde di valutare un’azione legale. Emilio Persichetti è nato nell’aprile del ’45, pochi giorni prima dell’esecuzione della zia: «Proprio il giorno in cui fui battezzato, nella casa di famiglia a Roma, arrivò la notizia di piazzale Loreto e della morte di Claretta, mi raccontano che la cerimonia si interruppe e in casa calò un silenzio gelido».

Il nipote della Petacci: «Merita rispetto»

E poi sottolinea: «Penso che quando una donna si sacrifica sapendo che rischia la vita per un amore grande e vero, meriti il rispetto. Claretta in quei giorni era a Roma, poteva salvarsi, invece decise di partire con Mussolini, per puro amore. E quando fu il momento della fucilazione gli fece scudo col suo corpo. Ecco quando l’amore si incontra con la morte, c’è l’eroismo. Anche Pertini in una intervista alla Rai spiegò chiaramente che Clara, come la chiamava lui, non doveva morire, perché l’obiettivo era Mussolini, non certo lei. Come si fa a offendere così volgarmente la memoria di una donna che si fa uccidere per amore?».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • donato antonio fulvio ladik 7 aprile 2018

    Sono d’accordo con Elio Molfini, solo una faccia da parac…….. poteva pronunciare una frase del genere

  • Aurora 22 gennaio 2018

    le femministe?…nn esistono piu’. il genere nn ha piu’ senso, ormai sono diventate tutte maschi..li . era quello che volevano: nn la difesa delle donne in quanto tali, ma l ambizione – e conquista a diventare ” “come” gli uomini. questo era il femminismo.

    • Mario Raffaele 23 gennaio 2018

      CON LE FEMMINISTE DI OGGI IO NON CI STO, PER ME SONO OLTRE CHE IPOCRITE, DELLE EMERITE OCHE CHE STARNAZZANO A LORO CONVENIENZA….

  • elio molfini 21 gennaio 2018

    SI PARLA DI COMICITA’. MA IO VEDO UNA FRASE CHE FOTOGRAFA SOLO CHI L’HA’ PRONUNCIATA.

  • Fassio 20 gennaio 2018

    Lasciate perdere però anche la Boldrini, che è viva.

  • Paul 20 gennaio 2018

    Pensa di essere un comico…

  • Frank 20 gennaio 2018

    Il rumore assordante delle pseudo femministe et Boldrininiane e una schifezza.
    Poi si chiedono come mai gli Italiani diventino di destra e razzisti.

  • Paolo 20 gennaio 2018

    Un v**** al servizio dei comunisti!! Oggi pd!!!

    • Marisa 21 gennaio 2018

      Il pd non è comunismo ! I***** !a non lo hai ancora capito ! I comunisti non si identificheranno mai con il pd ! Ma non capisci proprio niente tu !

  • Alessandro Zanzi 20 gennaio 2018

    La dichiarazione data da Gene Gnocchi, ovvero che non voleva in alcun modo offendere la memoria di Claretta Petacci non può certo essere presa per valida, dato che ha fatto riferimento ad una persona con nome e cognome. Non potrei accettare la sua giustificazione neppure se ripetesse la stessa battuta con nome e cognome di sua moglie, ma non ne ha il coraggio.

  • Europork 20 gennaio 2018

    Comicità davvero desolante, la cosa brutta realmente, il silenzio Delle femministe e dei radicalshit

  • Vanda Luino 20 gennaio 2018

    Io non condivido chi offende le persone che non ci sono più per potersi difendere

  • Massimo 20 gennaio 2018

    Secondo me Gene Gnocchi non ha rispetto neanche della propria madre. Disgusto totale

  • Tino 20 gennaio 2018

    Avvocato,
    il riferimento all’assassino con la pipa che ha firmato ed è stato il mandante di un affrettato omicidio femminicidio di estrema efferatezza eseguito in stile mafioso da banditi picciotti sanguinari della peggiore specie se lo poteva risparmiare.

  • Salvatore 20 gennaio 2018

    Io sono di destra, Ma indipendentemente dal colore politico,fare una battuta sopra una persona morta non abbiamo confini, poi mi chiedo le femministe dove sono o difendono solo le donne di sinistra

  • Roberto 20 gennaio 2018

    Caro amico ci sono persone in questo mondo che hanno il cervello solo per spartire le orecchie…
    invece di parlare di questa grande DONNA perché non parla dei problemi che attanagliano il nostro paese ???
    SE LO DENUNCI QUESTO V**** SCHIFOSO IL POPOLO È CON TE…!!!

  • Giuliano Palma 20 gennaio 2018

    E’ un ignobile pseudo comico…….deve solo chiedere scusa pubblicamente!

  • luca 19 gennaio 2018

    un fallito che non fa ridere nessuno

  • Giuseppe 19 gennaio 2018

    Claretta fu uccisa non fucilata in viale riale mentre stava cercando di allontanarsi, le spararono alle spalle,

  • DINO BORGOBELLO 19 gennaio 2018

    SIAMO FUORI COMPLETAMENTE !!!!!!……OFFENDERE PESANTEMENTE… PER FAR RIDERE! GNOCCHI QUESTA E” INCONCEPIBILE

  • Giovanna De Canio 19 gennaio 2018

    Solo un VIGLIACCO INFAME ha potuto insultare i morti, con tanti saluti alla pietas cristiana…

  • itala mastronardi 19 gennaio 2018

    Una vera Donna Claretta Petacci che ha vissuto un meraviglioso grande amore ed ha voluto DELIBERATAMENTE morire con Lui, anzui ha tentato disperatamente di salvarlo a scapito della propria vita ! ! Vera eroina ! Amore senza fine !

  • Giuseppe Tolu 19 gennaio 2018

    Poveraccio, non gli avrei dato neanche quella soddisfazione, sarebbe come uccidere un uomo morto, ossia, un uomo (uomo?) che in tutta la sua vita NON È SERVITO A NIENTE

    • StoriaStoriaStoria 20 gennaio 2018

      Ciao Giustopeppe….. perché non studi un po di storia?

      • Carlo Gariglio 20 gennaio 2018

        Perchè se si mettesse a studiare finirebbe con il suicidarsi, dato quello che la sua ignoranza lo porta scribacchiare tanto per avere un commento a suo nome!

    • Alessandro Zanzi 20 gennaio 2018

      I cinesi oggi ci vorrebbero comperare alcuni porti, tra cui quello di Venezia, grazie ai collegamenti ferroviari di cui godono, voluti da Mussolini!

    • Pierluigi 21 gennaio 2018

      Ma sei un uomo o un animale anzi neanche animale perché si offenderebbe la razza . Non sparare minchiate . Cerca di studiare se ancora sei in tempo almeno un giorno prima di morire dirai ma che minchiata ho fatto .

  • Francesco da Corleone 19 gennaio 2018

    Gnocchi, che un cognome così è già carta d’identità, è stato un gran s***** e solo lui M****.offendere la memoria di una donna innamorata. Dove sono finite le boldriniane???magare se fosse stata negra……………apriti cielo.