L’ex-ministro Landolfi: «Sul canone Rai Renzi bara. Ecco che cosa fare»

«Quella di Renzi sul canone Rai è solo una battuta da sondaggio disperato». Mario Landolfi, già ministro delle Comunicazioni nel quarto governo Berlusconi, intervistato da Radio Radicale, non ha dubbi: la sortita del leader Pd sul balzello più odiato dagli italiani dopo l’Imu è un evidente tentativo di risalire negli indici di gradimenti. Tentativo fallito: «Fu proprio lui – ricorda infatti Landolfi – a volere il pagamento del canone Rai nella bolletta Enel. Ora fa un’inversione a “u” e promette di abolirlo». L’ex-ministro ha colto l’occasione per rilanciare la proposta di mettere all’asta le risorse derivanti dal canone tra i maggiori gruppi televisivi. «In questo modo – ha spiegato Landolfi – i cittadini-utenti-contribuenti non finanzierebbero più un soggetto del mercato, ma l’oggetto del servizio pubblico radiotelevisivo. È l’unico modo per coniugare Stato e mercato, equità nelle scelte e trasparenza negli obiettivi».