Muore in culla a 2 anni, l’autopsia chiarirà se per un rigurgito o un malore

E’ successo ancora, e ancora una volta inspiegabilmente, inaspettatamente: una bimba di due anni di San Piero a Ponti, frazione di Campi Bisenzio (Firenze), è morta l’antivigilia di Natale, forse per un rigurgito durante il sonno nella culla. E chissà quante centinaia di volte i suoi genitori, straziati dal dolore, hanno ripercorso nella mente quegli istanti come tanti altri, quando dopo il bacio della buonanotte, come ogni sera, l’hanno adagiata nella sua culla per il sonno della notte. Un sonno dal quale, drammaticamente, la piccola non si è più risvegliata…

Firenze, bimba di 2 anni muore in culla

La bimba, secondo quanto riferisce la cronaca locale della Nazione, era influenzata e aveva avuto alcuni episodi di vomito, ma nulla lasciava assolutamente presagire il peggio. A rendersi conto della tragedia, intorno alle 2.30 della notte, sono stati i genitori che hanno dato l’allarme e che, rendendosi conto subito della gravità della situazione, hanno cercato di soccorrerla e hanno immediatamente chiamato il 118. Purtroppo, però, per la piccola non c’è stato nulla da fare. Nell’abitazione sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di San Piero a Ponti e della compagnia di Signa. Il magistrato di turno ha disposto l’autopsia. I medici legali avrebbero accertato la causa naturale della morte. Le ipotesi più probabili sono quella di una “morte bianca”, dovuta a un malore, o a un rigurgito.