Spray urticante tra la folla, salta il concerto di Elisa a Torino (video)

 
Momenti di paura durante il concerto di inaugurazione del polo culturale Ogr di Torino. Nel corso dell’esibizione di Elisa alcuni spettatori hanno lamentato bruciore agli occhi e alla gola. Sarebbe stato l’effetto di uno spray urticante spruzzato tra la folla da un giovane, che si sarebbe successivamente dileguato. La stessa cantante si sarebbe accorta dei momenti di panico tra il pubblico e avrebbe dato l’allarme. Una signora si è sentita male ed è stata soccorsa dall’ambulanza. Tutti i presenti sono stati fatti uscire all’esterno e dopo alcuni minuti di attesa un annuncio ha spiegato che il concerto era terminato: «Per cause indipendenti dalla nostra volontà il concerto non può proseguire», questo l’annuncio. Tutti si sono allontanati ordinatamente. 
 

IL VIDEO DELLA SOSPENSIONE DEL CONCERTO DI ELISA  

 

Dopo il concerto è uscita una nota ufficiale delle Ogr. «La stupidità di un singolo non ha permesso a centinaia di persone di godere il finale della nostra festa inaugurale. Per motivi indipendenti dalla nostra volontà siamo stati costretti ad interrompere lo spettacolo.
Vi ringraziamo per aver partecipato con così grande entusiasmo e ci scusiamo per l’accaduto, ma abbiamo condiviso con il personale di sicurezza e i vigili del fuoco la necessità di liberare i locali. Vi ringraziamo per aver collaborato a rendere l’evacuazione della sala rapida ed efficiente, in meno di 3 minuti; il piano di evacuazione ha perfettamente funzionato, senza scene di panico. Le unità mediche presenti accanto alle uscite di sicurezza sono immediatamente intervenute per prestare soccorso. Il sistema dei controlli già elevato sarà ulteriormente rafforzato in occasione del prossimo concerto del 7 ottobre».
 
 elisa

A Torino qualcuno ha rivissuto l’incubo di piazza Castello

«Dopo i controlli assurdi, qualcuno è riuscito a rovinare lo spettacolo. Tristezza». Nel lamento di una spettatrice sulla pagina Facebook delle Ogr di Torino, c’è tutto il disappunto per l’ennesimo disastro organizzativo del capoluogo piemontese. È ancora fresca nella memoria dei torinesi la calca in piazza per la finale di Champions League Juventus-Barcellona e il tragico bilancio con 1500 feriti. In quel caso le colpe caddero sulla giunta Appendino. Anche in questa occasione il Comune pentastellato non ha brillato per efficienza organizzativa.