Beffa brasiliana: ecco il cavillo dei giudici per scarcerare Cesare Battisti

Un tribunale federale regionale ha concesso all’unanimità l’habeas corpus a Cesare Battisti, confermando che il terrorista rosso pluriomicida dovrà rispondere, in stato di libertà, del reato di esportazione di valuta. Il giudice José Marcos Lunardelli, del Tribunale federale regionale della terza regione, aveva già concesso l’ingiunzione per il rilascio di Cesare Battisti nel contesto dell’habeas corpus perpetrato dalla difesa dell’italiano. Battisti era stato arrestato al confine con la Bolivia, con il sospetto di esportazione di valuta estera e riciclaggio di denaro.

Cesare Battisti ha il divieto di lasciare la sua città

Il tribunale ha disposto una serie di misure alternative alla detenzione preventiva: Battisti dovrà comparire periodicamente davanti a un giudice per riferire e giustificare le sue attività; avrà il divieto di allontanarsi dalla sua città di residenza senza autorizzazione giudiziaria; e sarà monitorato attraverso braccialetto elettronico qualora ci sia disponibilità dell’apparecchio.