Legge Fiano, il “Foro 753” manifesta all’obelisco del Duce: «La storia non si cancella»

giovedì 14 settembre 17:13 - di Redazione
legge fiano foro 753

Nel giorno stesso dell’approvazione alla Camera della legge contro la propaganda fascista che porta il suo nome, Emanuele Fiano si è ritrova subito sbeffeggiato da un flashmob. A realizzarlo sono stati i ragazzi dell’associazione Foro 753, che si sono ritrovati ai piedi dell’obelisco del Foro Italico dietro lo striscione «Apri bocca e gli dai Fiano. La storia non si cancella». 

Una legge «surreale»

«La nostra protesta non nasce certo dal nostalgismo o da improbabili affezioni a gadget o santini del passato, ma pensare di imporre per legge cosa si deve o non si deve pensare, cosa si deve o non si deve leggere e di cosa si può o non si può parlare è inaccettabile e allo stesso tempo surreale», hanno spiegato i promotori dell’iniziativa. «Noi siamo quello che siamo e le iniziative che portiamo avanti tutti i giorni, dal volontariato al sociale, dallo sport alla cultura – ha proseguito l’associazione – non si possono fermare per legge».

«Caro Fiano, la storia non si può cancellare»

«La militanza di migliaia e migliaia di giovani e meno giovani in tutta Italia ha radici lontane, basata su valori che hanno attraversato la storia, che sono antecedenti al fascismo (del quale siamo orgogliosamente fieri) e che continueranno a esistere nel tempo. Per questo caro Fiano e caro Pd la storia non si può cancellare», ha sottolineato ancora il Foro 753, avvertendo: «Volete abbattere le idee per sostituirle con l’Iphone, per un patetico tentativo di mascherare la vostra manifesta incapacità di governare l’Italia? Non sarà possibile. Avete già perso». 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *