Trova la moglie con l’amante (donna) che, nella zuffa, lo accoltella pure

Una storia davvero sui generis, e non soltanto per il fatto che, in quest’occasione, il tradimento inferto al coniuge è omosex, ma anche perché, oltre che “cornuto”, il marito è stato pure mazziato. Letteralmente. 

Torna a casa e trova la moglie con l’amante (donna)

Proprio così: succede tutto a Vicenza. E allora, nel contesto “classico” del tradimento, il copione di base di questa storia ripercorre le solite, abusatissime orme fedifraghe, eccezion fatta che stavolta ad ascoltare il rituale «cielo, mio marito», è una lei, amica più che intima della moglie traditrice di turno. Lui, come nel più obsoleto dei casi, rincasa prima del previsto, e mentre la chiave è ancora nella serratura, si ritrova ad assistere – sgomento – alla scena delle due “amiche” impegnate in tenere effusioni. Inutile dire che la reazione è violenta: urla, offese, schiaffi, e  nel giro di pochi istanti è zuffa. Una zuffa che, dopo un paio di minuti di tutti contro tutti, culmina in una coltellata. Anzi due.

L’amante della moglie colpisce l’uomo con 2 fendenti

Nella borsa della agguerrita amante della moglie del povero malcapitato, mescolato insieme a rossetti e campioncini di profumi, c’è anche un coltellino di pochi centimetri: ma tanto basta per colpire non una, ma ben due efferate volte l’uomo. Il sangue scorre ed è l’unico evento che riporta i tre alla calma: così, intervenuti i sanitari del Suem l’uomo è stato soccorso e ricoverato all’ospedale di Arzignano, al cui pronto soccorso sono state medicate anche le due donne. Nel frattempo i carabinieri intervenuti sul luogo del misfatto hanno ricostruito dinamiche e tempistiche della incresciosa vicenda, ricostruendo l’antefatto alla base del folle quarto d’ora: sembra, infatti, che il matrimonio tra i due stesse attraversando un periodo di profonda crisi, e che la moglie sia riuscita a trovare conforto tra le braccia dell’amica. Amica che al momento risulta essere l’unica denunciata per lesioni personali.