Schianto in scooter, muoiono 2 ragazze. Su Fb l’ultimo video insieme in motorino

Solo poche ore prima di morire una delle due ragazze aveva postato sul proprio profilo Facebook il video in cui, in sella dietro l’amica, correva ad alta velocità per quelle strade di provincia dove, nella notte tra ieri (giovedì 20 luglio ndr) e oggi hanno perso la vita dopo un tragico schianto in scooter. Un video scherzoso, quello pubblicato sui social, che – alla luce degli eventi tragici che sarebbero seguiti nel giro di poche ore da quella beffarda registrazione – acquista ora un significato completamente diverso…

Schianto in scooter, muoiono due amiche

Una sera come tante. Un’uscita come tante. Un giro in motorino come tanti altri prima di quello che avrebbe messo la parola fine alle giovani esistenze di  Giulia Lanzadoro, 30 anni di Bancole, e Vanessa Omilipo, 29 anni di Castel d’Ario, morte annegate in un fosso dopo lo schianto, i cui corpi sono stati ritrovati in un canale nella notte. Un canale che la gazzetta di Mantova descrive con precisione, dove «la via disegna una curva a gomito: è qui, lungo la strada Circonvallazione Est, tra Villa La Favorita e la tangenziale», che sono morte le due amiche. L’allarme è scattato poco dopo la mezzanotte e per un caso del tutto fortuito: un automobilista di passaggio su quel tratto ha visto un casco in mezzo alla strada e ha pensato bene di chiamare il 118. Ma quando i soccorsi sono arrivati non hanno potuto far altro che riscontrare il decesso delle due giovani donne, morte per annegamento nel fosso che in quel tratto costeggia la strada.

Quel video postato poche ore prima di morire su Facebook

Come spesso accade in questi casi, nell’immediatezza dell’evento è praticamente ancora impossibile ricostruire la dinamica dell’incidente e capire cosa sia successo in quegli, drammatici istanti di vita delle due vittime. Forse chi era alla guida ha perso il controllo del mezzo. Si mormora che le due abbiano urtato contro un albero prima di finire nel canale. tutte ipotesi, tutte possibilità: l’unica certezza, ad oggi, è che due giovani donne da questa notte non ci sono più e che le pagine facebook in cui postavano scorribande in motorino e momenti di festa, sono intasate dai messaggi di incredulità e strazio postati da amici e familiari sconvolti.